giovedì 24 maggio 2018
Logo Identità Insorgenti

23 ANNI DOPO

Annarè di D’Alessio: per san Valentino il remake di Ivan Granatino in versione “trap soul”

Musica | 13 febbraio 2018

Ivan Granatino fa rinascere “Annarè”, a 23 anni dall’uscita di uno dei brani più famosi di Gigi D’Alessio. Da oggi su Spotify, Annarè 2018 è in versione trap soul, un regalo di Ivan Granatino a tutti i suoi fan che esce proprio alla vigilia del giorno di San Valentino. Una colonna sonora per la festa degli innamorati, un omaggio a tutte le donne e a Gigi D’Alessio che sarà arricchito dall’uscita del videoclip ufficiale di Annarè, dal 14 febbraio su Youtube e sui canali social di Ivan Granatino.

Il brano è una versione moderna di Annarè: il testo che fece impazzire i fan di Gigi D’Alessio nel 1995 resta invariato, così come la passione e la potenza di rime e parole, ma cambiano i suoni e gli arrangiamenti. Il risultato è un tuffo nel passato fatto di dolci ricordi e di passioni, una canzone d’amore contemporanea, soul e popolare allo stesso tempo. E ‘moderna’ è anche Annarella: occhi blu, capelli ricci e pelle scura, una femme fatale androgina ma bellissima, esempio di una fusione etnica e sociale che descrive alla perfezione la Napoli di oggi. Nel video, Annarè passeggia per le strade della città, con gli occhi illuminati dalla luna a via Toledo, scoprendo poi il volto autentico della Napoli dei quartieri che si inerpica tra vicoli di mille colori. Un racconto triste, pronto a declinare quel lieto fine che solo un amore impossibile può rincorrere.

“Ho scelto di fare il remake di Annarè perché per me rappresenta un classico della canzone napoletana – dichiara Ivan Granatino -. Così come Murolo, Caruso e Mario Merola continuano a far sognare i fan di tutto il mondo, allo stesso modo Annarè regala, anche a distanza di anni, le stesse emozioni. Il mio ricordo di questa canzone è sempre vivo, era il 1996, allora avevo 12 anni, e la ascoltavo tutti i giorni in versione cassetta, nel mio walkman, mentre camminavo tra i vicoli di questa città. Quanto mi ha fatto sognare! Se ho scelto di farne una cover è senz’altro perché vorrei offrire anche ai tanti giovani della nuova generazione questa possibilità. Non a caso, è una versione più moderna, stilizzata : riadattata in un mood sonoro che fa capo alla trap elettronica ma che rievoca sia nel video che nelle riprese l’ambientazione classica degli anni 90.  Sono molto soddisfatto del lavoro svolto e ne ho avuto la riprova quando l’ho fatta ascoltare all’autore, nonché interprete della canzone, Gigi D’Alessio, un artista che ho voluto omaggiare per quanto ha fatto per la città di Napoli. Anche lui ne è rimasto entusiasta e spero di convincerlo a cantarla insieme il più presto possibile”.

Articoli correlati

Musica | 23 maggio 2018

IL FESTIVAL

Cut, quando la musica incontra la poesia

Musica | 21 maggio 2018

LIVE OVUNQUE

Liberato, date da Nord a Sud e in Europa: suona anche in Puglia

Cultura | 17 maggio 2018

LA TESI

Liberato diventa tema di discussione di laurea in teoria e tecniche dei Media digitali all’università di Salerno