domenica 20 agosto 2017
Logo Identità Insorgenti

ALLA SANITA’

“Ultravioletto”: parte il crowdfunding per progetti sociali e d’arte nel Quartiere

Arte e artigianato, Attualità, Eventi, NapoliCapitale, Periferie, Prima Slide | 26 settembre 2016

murales-luce-alla-sanita

Ancora una volta “Il Fazzoletto di Perle”, associazione napoletana molto attiva che mette in connessione arte, sociale e periferie, lancia un’iniziativa, con una campagna di crowdfunding per il quartiere Sanità, dove già ha realizzato il bellissimo murales “Luce”.

Stavolta il progetto si chiama “Ultravioletto” e l’intento è quello di lavorare in maniera trasversale sul tema della diversità come valore e opportunità. Pina Ottieri, anima dell’associazione, è uno di quegli esempi virtuosi che Napoli produce: una donna che si rimbocca le maniche, attenta all’arte, al bello, al sociale, al coinvolgimento virale degli abitanti delle periferie (suo anche il progetto del murales di Bosoletti a Materdei).

“Esistono cose che non vediamo e che qualcun altro vede. Dialogando con chi è diverso, possiamo allargare il nostro orizzonte di conoscenza e di comprensione del mondo ed entrare in empatia con gli altri esseri, a qualunque specie appartengano. La luce ultravioletta non è visibile all’occhio umano. Ma il nostro corpo ne subisce gli effetti.Le farfalle sono invece in grado di percepire l’ultravioletto. Questo le aiuta nella ricerca del cibo e del partner. Viviamo immersi in una realtà parziale e percorriamo la mappa che di essa abbiamo tracciato. Ma il territorio è infinitamente più vasto dei sentieri usuali e il confronto con gli altri ci insegna nuove strade” si spiega nelle premesse al progetto.

“Ultravioletto” prevede un nucleo di attività nel rione Sanità di Napoli, in cui l’associazione “il Fazzoletto di Perle” ha già realizzato “Luce”, progetto di arte partecipata e zooantropologia.

Ci saranno interventi di artisti, scienziati, musicisti, scrittori, educatori, che porranno l’attenzione su modi diversi di percepire il mondo, a partire da altre specie viventi ma anche da culture diverse e  emarginate.

Verranno individuati spazi trascurati o abbandonati di cui si studieranno le caratteristiche. Aree verdi sottratte al controllo dell’uomo e uniche custodi urbane di biodiversità. Posti marginali rispetto ai percorsi acquisiti eppure ricchi di storia e di arte.

Francisco Bosoletti, Tono Cruz, il maestro Mono Gonzalez sono i tre muralisti con cui l’associazione il Fazzoletto di Perle ha ideato e costruito il progetto e che realizzeranno interventi di arte partecipata.

Altri artisti saranno con loro.

“Ultravioletto” si irraggerà anche in altre città italiane rendendo disponibili:

– un  progetto di Zooantropologia Didattica che porterà alla costruzione di piccoli giardini delle farfalle

– una mostra itinerante con fotografie del progetto “Luce” e opere originali degli artisti che ne sono stati parte

– interventi di arte partecipata nelle città che attiveranno i progetti più interessanti correlati a questo tema

“Ultravioletto” sarà anche un workshop dei maestri Mono Gonzalez e Tono Cruz presso l’Istituto Penale Minorile di Nisida, nel quale l’associazione “il Fazzoletto di Perle” conduce da 4 anni attività di zooantropologia assistenziale. Il workshop di serigrafia sarà la conclusione di un nuovo percorso con i ragazzi detenuti.

“Ultravioletto” sarà sostenuto grazie alla partnership con Banca Etica attraverso una raccolta fondi sulla piattaforma Produzioni dal Basso.

 

Info e contatti Giuseppina Ottieri tel 3388946565 / ilfazzolettodiperle@libero.it

 

Articoli correlati

Battaglie | 8 agosto 2017

LA LETTERA

Ciro Corona, dopo l’episodio di discriminazione al Don Bosco: “Vogliamo una sanità che non guardi al colore della pelle”

Arte e artigianato | 4 agosto 2017

ARTIGIANI SPECIALI

Sosò a Positano: la ceramica che porta con sé il vento della tradizione e dell’innovazione

Attualità | 27 luglio 2017

LA POLEMICA

Poggiani: “Telecamere? Bene. Ma il governo ignora le richieste per potenziare le scuole, bacino di manovalanza”