domenica 21 gennaio 2018
Logo Identità Insorgenti

ECCELLENZE DEL SUD

L’ultima invenzione di Leopoldo, la Taralleria napoletana nel cuore di Spaccanapoli

Agroalimentare, Identità, Imprese, NapoliCapitale, Storia | 6 ottobre 2017

Non un “tarallificio”, ma una taralleria. Da 10 giorni nel cuore di Spaccanapoli, ha aperto il labshop dedicato ai taralli. Si chiama Taralleria Napoletana, è l’ultima trovata imprenditoriale di Leopoldo Infante e offre taralli, nel cuore di Napoli (via San Biagio dei Librai 3) con tanti gusti e abbinamenti golosi e sperimentali, innaffiati dalle birre K-Birr di Fabio Ditto.

Quella del tarallo è una ricetta che la famiglia Leopoldo tramanda di padre in figlio da diverse generazione. Tutto nacque negli anni ’30, quando in un piccolo forno nella scalinata di Santa Barbara, la figlia di un fornaio fece perdere la testa ad un garzone. Si sposarono e dal loro amore nacque la prima attività in Vico Tagliaferri. I taralli di Leopoldo invasero Napoli. Dalle bancarelle alle vare drogherie. Quando fu il momento di espandersi, gli sposi si spostarono nella via degli artigiani, via Foria, dove diedero vita alla bottega del Tarallo.

È ancora oggi, quella di Leopoldo e Infante, è un’attività in espansione grazie all’amore che anche i figli nutrono per questa azienda. Il nostro vicedirettore Francesco Andoli oggi è andato a trovarli. Ecco i suoi live, dalla Taralleria Napoletana: identità, innovazione, tradizione e futuro in nome del tarallo made in Naples.


Articoli correlati

Agroalimentare | 18 gennaio 2018

LA GUERRA DEI POMODORI

Nuovo scontro dopo quello sulla mozzarella tra Puglia e Campania. Ma perché non si prova a fare rete?

Agroalimentare | 15 gennaio 2018

IN LUCANIA

A Matera apre la scuola di pizza napoletana

Agroalimentare | 11 gennaio 2018

PRODOTTI TIPICI NEL MONDO

In Brasile, tra università e produttori, dove si coltiva il “Pomodoro Cannellino Flegreo”