giovedì 29 giugno 2017
Logo Identità Insorgenti

#FREEGABRIELE

Napoli si mobilita per Del Grande: stasera all’Asilo, martedì i giornalisti al Pan

Diritti e sociale, Europa, Mondo, NapoliCapitale, Seconda Slide | 20 aprile 2017

Anche Napoli si mobilita per la liberazione di Gabriele Del Grande, il documentarista trattenuto in Turchia dal governo repressivo di Erdogan da oltre dieci giorni.

Confermando il suo ruole centrale nelle lotte e nella cultura tasera l’Asilo Filangieri di Napoli, in contemporanea con molte città italiane, ha organizzato un evento di solidarietà.

“Gabriele è un giornalista e documentarista italiano detenuto in Turchia dal 9 aprile e, ad oggi, nessuna accusa è stata formalizzata – si piega sul loro sito – Nessun reato è stato compiuto da Gabriele se non quello di essere una voce libera, indipendente, che cercava di raccogliere testimonianze per poterle diffondere al suo ritorno. Questo è solo l’ultimo atto, quello più eclatante per un’Italia largamente assopita, del regime liberticida del sultano Erdogan, dopo i brogli (certificati anche dall’OSCE) delle elezioni sul referendum costituzionale che evidentemente si temeva potessero essere ripresi dal lavoro di report indipendenti. Alle 20:30 proiettiamo il suo documentario “Io sto con la sposa” per parlare con le immagini e con l’arte di Gabriele e per raccontare cosa è la Turchia oggi. www.iostoconlasposa.com. L’ingresso è libero, i contributi volontari saranno destinati alle spese legali o alle iniziative che verranno decise da Gabriele al suo ritorno. info & aggiornamenti www.exasilofilangieri.it/iostocongabriele/”.

Martedì invece Ordine dei giornalisti della Campania, Articolo 21 sezione Campania, Sindacato Unitario Giornalisti della Campania, Fondazione Polis e Libera Campania  dalle 17.30 terranno un sit in di protesta davanti alla Mehari di Giancarlo Siani al museo Pan in via Filangieri per sensibilizzare l’opinione pubblica sul caso di Gabriele Del Grande, il reporter detenuto in Turchia dal 9 aprile senza che alcuna accusa sia stata formalizzata nei suoi confronti ma solo per aver raccontato la verità.

#freeGabriele

Articoli correlati

Diritti e sociale | 25 giugno 2017

MEDITERRANEAN PRIDE OF NAPLES

Napoli città aperta: sfilata e festa per i diritti LGBTQ con de Magistris in prima fila per tutto il corteo

Campania | 8 giugno 2017

BENE COMUNE TRA LE POLEMICHE

“Tutta n’ata storia”, il progetto di volontariato di ARCa che nasce nello spazio confiscato alla camorra

Diritti e sociale | 7 giugno 2017

SALUTE

Rapporto Censis sulla sanità: in Italia non è per tutti. 12,2 milioni di persone rinunciano alle cure