martedì 23 ottobre 2018
Logo Identità Insorgenti

Centinaia di “bottari” pronti per Sant’Antonio a Macerata Campania

Identità | 11 gennaio 2018

Si terrà da venerdì 12 gennaio fino al 17 gennaio 2018 la nuova edizione della Festa di Sant’Antuono a Macerata Campania. La manifestazione si concluderà proprio nel giorno dedicato a Sant’Antonio Abate e sarà contraddistinta da mostre, laboratori culturali (di cucina, musicali e molto altro), giochi, seminari e altre occasioni tutte da scoprire. Sarà possibile anche degustare il piatto tipico, la past’e’llessa, vale a dire la pasta con le castagne lesse, in un grande evento che è organizzato dal Comune di Macerata Campania con l’Associazione Sant’Antuono & le Battuglie di Pastellessa (ONG accreditata UNESCO).

A Macerata Campania, comune della provincia di Caserta, sono iniziati lo scorso 8 dicembre 2017 i preparativi della manifestazione, che vedrà la sfilata di circa milleduecento bottari su diciannove Carri di Sant’Antuono, tutti a forma di barche in ricordo della leggenda che parla di un viaggio che il Santo avrebbe fatto dall’Africa su un’imbarcazione. I bottari percuotono in maniera armonica botti, tini e falci come dei veri e propri strumenti musicali e questa azione produce la caratteristica sonorità chiamata proprio ‘pastellessa’, così come viene denominato il piatto tipico. È palese il mix di religiosità, partecipazione popolare, tradizione e folclore, con dei richiami ad un antico valore apotropaico dei forti suoni capaci di spaventare e allontanare le presenze maligne. In particolare, citando alcuni dei momenti della festa, il 16 gennaio ci sarà l’accensione del Cippo di Sant’Antuono e la benedizione del fuoco e degli animali da parte dell’abate don Rosario Ventriglia e il 17, dopo la Processione e la Santa Messa dedicata a Sant’Antonio Abate, a mezzogiorno si potrà assistere al tradizionale spettacolo dei fuochi pirotecnici dove verranno fatte esplodere, come simbolo di distruzione del male, figure collegate alla vita del Santo quali ‘a signora ‘e fuoco, ‘o puorco, ‘o ciuccio e ‘a scala. La giornata continuerà poi con la sfilata mattutina e pomeridiana dei Carri di Sant’Antuono.

Ecco i nomi delle Battuglie di Pastellessa che parteciperanno: 1. Gli amici di Sant’Antonio, 2. Cantica popolare caturanese, 3. ‘O ritorno ‘e Sant’Antuono 4. I ragazzi del 2000, 5. L’ombra nov’, 6. ‘A cantenella, 7. Pastellesse Sound Group, 8. Suoni antichi, 9. L’anema ‘e Sant’Antuono, 10. L’epoca nov’, 11. I wagliun ru Coffee’s Time, 12. ‘U carr’ ‘e vasc’ ‘o vasto, 13. ‘A cumpagnia nov’, 14. La compagnia del 2011, 15. ‘U carr’ ‘e Casavr’, 16. Cantica popolare, 17. ‘A cumpagnia ‘e Sant’Antuono, 18. La piccola compagnia de “I punto esclamativo”, 19. Battuglia libera. L’evento, che aderisce alla ‘Giornata nazionale del dialetto e delle lingue locali’ organizzata da UNPLI, vede la partecipazione, inoltre, dell’Istituto Comprensivo di Macerata Campania, dell’Associazione Radici di Marcianise, delle Associazioni Giovane Città, Gioventù 2.0, Art Fusion e Futur Art di Macerata Campania, delle Majorette Shine Stars della Parrocchia San Nicola di Bari di Casal di Principe, dell’Associazione ‘Na Chiacchiera di Recale e la collaborazione dell’Associazione Giochi Antichi di Verona e di APLI.

Articoli correlati

Attualità | 19 ottobre 2018

BONUS CULTURA

“Truffe” a Napoli? Titolo fuorviante. La maggior parte dei fondi spesi in libri

Cultura | 17 ottobre 2018

AL CONVEGNO SULLA SERAO

Identità Insorgenti all’Università con la mappa letteraria di Napoli

Beni Culturali | 16 ottobre 2018

LA STATUA DEL NILO

Il Corpo di Napoli: uomo o donna? Un dilemma di molti secoli fa