martedì 25 settembre 2018
Logo Identità Insorgenti

Giornata della gentilezza. Ieri tanti abbracci sul lungomare. Per l’app babel il caffè sospeso napoletano tra i gesti più gentili del mondo

Attualità, Mondo | 13 novembre 2017

Se vuoi essere amato, ama e sii amabile diceva Benjamin Franklin. E oggi in tutta italia è la giornata mondiale della gentilezza. Ieri l’hanno celebrata sul lungomare i ragazzi di Hugs Italia Napoli, abbracciando napoletani e turisti per tutto il giorno.  La ricorrenza è nata dall’iniziativa di gruppi umanitari e dalla loro Dichiarazione della gentilezza risalente al 13 novembre 1997, ricorrenza osservata dal 1998 da Canada, Giappone, Australia, Nigeria, Emirati Arabi Uniti, -dal 2009- da Italia, India e Singapore e dal 2010 da Gran Bretagna. Sono stati i giapponesi a promuovere questa iniziativa: la giornata è nata in Giappone grazie al Japan Small Kindness Movement, fondato nel 1988 a Tokyo, dove due anni prima si era costituito un primo gruppo di organizzazioni riunito nel World Kindness Movement (Movimento mondiale per la Gentilezza).

La Giornata della gentilezza si festeggia in modi diversi in tutto il mondo. Alcuni organizzano flash mob, altri partecipano invece ad eventi caritatevoli. La ricorrenza viene celebrata negli Stati Uniti, in Italia, Emirati Arabi, India, Singapore, Nigeria, Giappone, Australia e Canada. In ogni luogo, però, ad essere al centro dell’attenzione sono sempre i piccoli gesti, come aprire la porta a uno sconosciuto, aiutare un vicino, lasciare al partner il controllo del telecomando per una sera o pagare il caffè a un amico. E dall’app per le lingue Babel una ricerca su come ‘si festeggia’ la gentilezza nel mondo fa emergere che uno dei gesti più gentili è il caffè sospeso, nato a Napoli.

Articoli correlati

Attualità | 24 settembre 2018

APPELLO DEI GENITORI

“Fiduciosi nella giustizia”: Ciro Esposito, domani al via il processo di terzo grado per l’assassino De Santis

Attualità | 23 settembre 2018

PACE SENZA SENSO

Brambilla a Napoli, tra pizze fritte e selfie: ma il fenomeno dei “portoghesi” non è solo partenopeo

Attualità | 21 settembre 2018

LOMBROSO MODERNO

Il siur Brambilla: “I napoletani antropologicamente diversi non fanno biglietto sul bus”