mercoledì 26 luglio 2017
Logo Identità Insorgenti

“Il cimitero della civiltà” secondo il Principe

In arte Totò | 15 maggio 2017

Il cimitero della civiltà

Aiere ha fatto n’anno – ‘o diece ‘e maggio,
na matenata calda e chiena ‘e sole -,
penzaie ‘ncapo a me: “Cu che curaggio
io stamattina vaco a faticà!”.

Facenno ‘o paro e sparo mme susette:
“Mo mme ne vaco ‘a parte ‘e copp’ ‘o Campo”.
Int’a ddiece minute mme vestette
cu ‘e mucassine e cu ‘o vestito blu.

Nun facette sparà manco ‘o cannone
ca già stevo assettato int’ ‘a cantina,
annanze a nu piatto ‘e maccarune:
nu zito ch’affucava int ‘o ragù.

C’ ‘a panza chiena, a passo… chianu chiano
mme ne trasette dint’a na campagna,
mmocca nu miezo sigaro tuscano,
ca m’ ‘o zucavo comme ‘o biberò.

Tutto a nu tratto veco nu spiazzale
chino ‘e ferraglie vecchie e arrugginite.
E ched’ è, neh?… nu campo ‘e residuate:
“il cimitero della civiltà”.

Nu carro armato cu ‘a lamiera rotta…
trattore viecchie… macchine scassate…
n’ “Alfetta” senza ‘e qquatte rote ‘a sotto…
pareva ‘o campusanto d’ ‘a Pietà!

Guardanno a uno a uno sti ruttame,
pare ca ognuno ‘e lloro mme diceva:
“Guardate ccà cosa addiventiamo
quanno ‘a vicchiaia subbentra a giuventù”.

Mmiezo a sta pace, a stu silenzio ‘e morte,
tutto a nu tratto sento nu bisbiglio…
appizzo ‘e rrecchie e sento ‘e di cchiù forte:
“Mia cara Giulietta, come va?”.

Chi è ca sta parlanno cu Giulietta?
Nmiezo a stu campo nun ce sta nisciuno…
Tu vuo vedè che l’hanno cu ll’ “Alfetta”?
Cheste so ccose ‘e pazze! E chi sarrà?

Mme movo chianu chiano… indifferente,
piglio e mm’assetto ‘ncopp’ ‘o carro armato…
quanno ‘a sotto mme sento ‘e di: “Accidente!…
E chisto mo chi è?… Che vularrà?”.

Chi ha ditto sti pparole? Chi ha parlato?
I’ faccio sta domanda e zompo all’erta…
“So io ch’aggio parlato: ‘o carro armato…
Proprio addu me v’aviveve assettà?

A Napule nun se pò sta cuieto.
Aiere un brutto cane mascalzone
se ferma, addora… aiza ‘a coscia ‘e reto,
e po’ mme fa pipi ‘nfaccia ‘o sciassi”.

“Vi prego di accettare le mie scuse,
v’ ‘e ffaccio a nome anche del mio paese;
Ma voi siete tedesco o Made in Usa?
E come vi trovate in Italy?”.

“Sono tedesco, venni da Berlino
per far la guerra contro l’Inghilterra;
ma poi – chiamalo caso oppur destino –
‘e mmazzate ll’avette proprio ccà!”.

“Ah, si… mo mme ricordo… le mazzate
ch’avisteve da noi napoletani…
E quanto furon… quattro le giornate,
si nun mme sbaglio: o qualche cosa ‘e cchiù?”.

“Furon quattro.Mazzate ‘a tutte pizze:
prete, benzina, sputazzate ‘nfacccia…
Aviveve vedè chilli scugnizze
che cosa se facettero afferrà!”.

“Caro Signore, ‘o nuosto è nu paisiello
ca tene – è overo – tanta tulleranza;
ma nun nce aimma scurdà ca Masaniello
apparteneva a chesta gente ccà.

E mo mm’ite ‘a scusà ll’impertinenza,
primma aggio ‘ntiso ‘e dì: “Cara Giulietta”.
Facitemmella chesta confidenza:
si nun mme sbaglio era st’ “Alfetta” ccà?”.

“Appunto, si,è qui da noi da un mese…
‘A puverella è stata disgraziata,
è capitata ‘nmano a un brutto arnese,
… Chisto nun ha saputo maie guidà.

Io mm’ ‘a pigliasse cu ‘e rappresentante,
cu chilli llà che cacciano ‘e ppatente;
chiunque ‘e nuie, oggi, senza cuntante,
se piglia ‘a macchinetta e se ne va”.

“Di macchine in Italia c’è abbondanza…-
rispose sottovoce ‘a puverella –
si no che ffa… po’ nce grattammo ‘a panza:
chillo ca vene ll’avimmo acchiappà”.

“Giulietta, raccontate qui al signore
i vostri guai” – dicette ‘o carro armato.
L’ “Alfetta” rispunnette a malincuore:
“Se ci tenete, li racconterò.

Come sapete, sono milanese,
son figlia d’Alfa e di papà Romeo,
per fare me papà non badò a spese;
mi volle fare bella “come il fò”.

Infatti, mi adagiarono in vetrina,
tutta agghindata… splendida… lucente!
Ero un’ “Alfetta” ancora signorina:
facevo tanta gola in verità!

Un giorno si presenta un giovanotto
cu tanto nu paccotto ‘e cambiale,
io, puverella!, avette fà ‘o fagotto,
penzanno:Chi sa comme va a fernì!

Si rivelò cretino, senza gusto:
apparteneva ‘a “gioventù bruciata”.
Diceva a tutti quanti: “Io sono un fusto;
‘e ffemmene cu mmico hanna cadè!”.

Senza rispetto, senza nu cuntegno…
cambiava tutt’ ‘e giorne… signorina:
ci conduceva al solito convegno…
… alla periferia della città.

Chello ca cumbinava ‘o giuvinotto?
Chi maie ve lo potrebbe raccontare:
io nn’aggio mantenute cannelotte
‘e tutte specie, ‘e tutte ‘e qqualità:

la signorina di buona famiglia,
a vedova, ‘a zetella, ‘a mmaretata…
E quanno succedette ‘o parapiglia,
stavamo proprio cu una ‘e chesti ccà.

In una curva, questo gran cretino,
volle fare un sorpasso proibito,
di fronte a noi veniva un camioncino,
un cozzo, svenni, e mo mme trovo ccà”.

“A nu fetente ‘e chisto ce vulesse
nu paliatone, na scassata d’osse’…
Ma comme – dico i’ po’ – sò sempe ‘e stesse
ca t’hanna cumbinà sti guaie ccà?”.

“E che penzate ‘e fà donna Giulietta?”.
“E ch’aggia fà? – rispose ‘a puverella-
So che domani viene una carretta,
mme pigliano e mme portano a squaglià”.

“Giulietta… via, fatevi coraggio –
(dicette ‘o carro armato). lo ero un “Tigre”,
il popolo tremava al mio passaggio!…
Mannaggia ‘a guerra e chi ‘a vulette fà!

lo so cosa faranno del mio squaglio:
cupierche ‘e cassarole, rubinette,
incudini, martelli, o qualche maglio,
e na duzzina ‘e fierre pe stirà”

“lo vi capisco… sono dispiaciuto…
ma p’ ‘e metalli ‘a morte nun esiste;
invece ‘e n’ommo, quanno se n’è ghiuto,
manco na cafettera se pò ffà!”.

Articoli correlati

In arte Totò | 23 giugno 2017

‘O sole secondo Totò

In arte Totò | 15 giugno 2017

Auguri a Franco Melidoni, il Peppiniello di Miseria e Nobiltà

In arte Totò | 14 maggio 2017

La poesia di Totò per la madre