venerdì 24 novembre 2017
Logo Identità Insorgenti

IL CORTEO

Movimenti (in guerra quotidiana) e associazioni venerdì in piazza: sarà la “Marcia degli esclusi”

Battaglie, Diritti e sociale | 14 novembre 2017

A Napoli venerdì 17 novembre alle 9,30 gli esclusi si mettono in marcia. L’appuntamento è a piazza Garibaldi. Il percorso prevede l’attraversamento della città di una serie di collettivi e associazioni che, nel quotidiano, si fanno guerra tra loro e che invece in queste occasioni si ritrovano a marciare fianco a fianco, in quella girandola di contraddizioni che caratterizza i gruppi “autonomi” partenopei, di lotta o di governo che siano. Così sotto l’egida dell’Opg Occupato Je so pazzo, anima organizzatrice di questo evento,  ritroviamo sigle come Napoli Direzione Opposta e Partenope Ribelle, le sigle da poco nate a Napoli e che hanno preso strade diverse, in parte appunto opposte, ma che per gli esclusi scendono in piazza insieme.

Dalla pagina dell’appuntamento leggiamo: “Cosa succederebbe se un giorno tutti gli esclusi della città si mettessero in cammino?
Lavoratori sfruttati, disoccupati costretti a vivere alla giornata o a emigrare perché le istituzioni sono sorde, migranti sotto attacco razzista, studenti senza diritti, famiglie o singoli che hanno ogni giorno a che fare con povertà dilagante, con l’assenza di welfare, di un tetto sulla testa e che non possono più stringere la cinghia.
Siamo la maggioranza, ma sembriamo essere invisibili. L’ossessione per la “sicurezza”, la chiusura degli spazi di partecipazione nella società, i tagli agli enti locali, il ricatto del debito e delle privatizzazioni sono le uniche risposte che arrivano da chi ci governa.
Non è di questo che abbiamo bisogno, ma di lavoro, di fondi per garantire politiche sociali e servizi pubblici come sanità, trasporti, istruzione, assistenza ai disabili…
Ma non accetteremo di lasciarci morire, non cederemo alla rassegnazione.
Basta con la guerra fra poveri, è tempo di fare la guerra a chi i soldi li ha.
Vogliamo unire lotte e pezzi di società ormai abbandonati dalla politica, esperienze di solidarietà e organizzazione popolare che in tutta la città sono diffuse!
Siamo tanti, vogliamo decidere, possiamo cambiare le cose: cominciamo scendendo in piazza venerdì 17!”

Aderiscono:

Ex Opg Je So Pazzo
Coalizione Internazionale Sans-papiers, Migranti, Rifugiati e Richiedenti asilo (CISPM Italia)
Campagna per il diritto all’abitare Magnammece o’Pesone
Rete di Solidarietà Popolare
Movimento di lotta Disoccupati “7 Novembre”
Studenti Autorganizzati Campani
Collettivo Autorganizzato Universitario
Ex D.O.N. (ex detenuti organizzati napoletani)
Associazione liberi di volare ONLUS
Cantiere 167
Napoli Direzione Opposta
Insurgencia
Kaos
Partenope Ribelle
Collettivi Autonomi
Damm
Sinistra Anticapitalista Napoli
Salviamo il Pellegrini
Presidio in difesa dell’Ospedale San Gennaro
Unione degli Studenti Napoli
Sisma
Link Napoli sindacato universitario
Rete della Conoscenza Napoli
Partito dei Carc
Avvocato di Strada Napoli ONLUS
Associazione Essi Vivono
Rifondazione Comunista
Comitato di lotta Ospedale Ascalesi
Cooperativa E Pappeci
Associazione Un Ponte per
Associazione Social Skills
Associazione mondo senza confini – Centro Miriam Makeba
Chi rom e…chi no
La Kumpania
Il comitato abitare Cupa Perillo
Associazione Crescere Insieme
Collettivo insorgenza musica

Articoli correlati

Ambiente | 19 novembre 2017

LA REPRESSIONE

Foglio di via per Riccardo, attivista No Tap: non potrà mettere piede a Melendugno per tre anni

Ambiente | 13 novembre 2017

L’INVASIONE

Follia Tap, 500 militari assegnati ai cantieri per un mese. Militarizzata nella notte tutta l’area

Battaglie | 31 ottobre 2017

IL MISTERO

Quei busti di Cosimo Fanzago scomparsi da Palazzo Maddaloni. Denuncia di Pariante, interrogazione di De Stasio