martedì 25 settembre 2018
Logo Identità Insorgenti

“LA BELLA ADDORMENTATA”

“La Radice”, sensazioni di un rientro a Napoli

La Bella Addormentata | 6 dicembre 2016

treno-roma

Ogni volta che torno a Napoli, dopo lunghe assenze, da forestiero in casa propria, con un lungo apprendistato sentimentale alla vita e la giusta distanza, avverto un peso: la condanna delle radici.

C’è una malinconia profonda, scambiata dai più per “l’accondiscendenza alla vita”, virtù popolare del lasciar correre, e il senso d’immobilità, di tempo che contiene l’alto e il basso, la vetta e l’abisso. Essere napoletani è una condizione dell’anima, la consapevolezza del nulla è per sempre, nel bene e nel male, incisa nel sangue.

Napoli è la città terrestre che guarda al pianeta da un altro pianeta.

Alexandro Sabetti

Articoli correlati

Attualità | 28 luglio 2018

LA LETTERA

Troppi monumenti nel degrado a Napoli: una riflessione sul futuro della città che vive una stagione turistica irripetibile

Lavoro | 24 luglio 2018

OCCUPAZIONE A NAPOLI

Dema novello conte mascetti, con supercazzola social

Ambiente | 13 luglio 2018

LA POLEMICA

Azienda svizzera ricicla la plastica per farne carburante. E Repubblica lo racconta con una vecchia foto di Napoli piena di munnezza