giovedì 24 maggio 2018
Logo Identità Insorgenti

LA LETTERA

Alberto Angela scrive già da Napoletano: “Napoli è una città che ti avvolge se sai leggerla negli occhi”

Attualità, Beni Culturali, Cultura, Identità | 18 maggio 2018

 

Ottenuta la cittadinanza onoraria, Alberto Angela scrive una lunga lettera “da napoletano”, sulla propria fan page:

Carissimi,
oggi è stata ufficializzata la decisione di darmi la cittadinanza onoraria di Napoli. Sono molto contento perché questo suggella un bellissimo viaggio che sto compiendo assieme alla città di Napoli da molti anni. Un viaggio nella conoscenza e nelle emozioni che mi affascina molto.
Dalle età più antiche, quando era una città greca e poi romana ma sempre simbolo di civiltà e raffinatezza, oppure più tardi quando, nel 700, diventò un faro culturale in Europa, per le sue arti, il suo sapere ma anche per il suo ardito spirito di ideali e di libertà che prese forma nel 1799.
Io viaggio molto per mestiere e mi sono accorto di una sua caratteristica che è molto rara anzi credo proprio unica. È la sua capacità di trasmettere da una generazione all’altra tradizioni, abitudini, e valori intimi che non vanno a disperdersi come invece è accaduto a tante altre città o comunità. È un preziosissimo bagaglio di vita familiare (ma di una famiglia grande quanto una città) che un forestiero percepisce per le strade di Napoli nel modo di chiacchierare, di affrontare la giornata, di cucinare, di ridere con un amico, di risolvere un problema, ecc…
La cosa che più mi colpisce è l’intensità e il calore che c’è in ogni emozione e sentimento. A prescindere dalla situazione. Città complicata certo, con molte contraddizioni, si è vero, ma anche con tanta voglia di vivere e calore di vita. Questo vedo in ogni volto (e sorriso) che incrocio per le sue vie. In questo senso Napoli è una città che ti avvolge e se la sai leggere negli occhi, ti accoglie e protegge. Come fa la luce dei suoi incredibili tramonti sul mare, che creano un’atmosfera irripetibile ovunque nel Golfo.
Ringrazio il sindaco De Magistris, il Comune, chi si è fatto promotore così attivamente sul web e tutti quelli che hanno sostenuto questa iniziativa portandola in meta.
Un caro e forte abbraccio a tutti,
Alberto

 

( si ringrazia Il Lazzaro per la collaborazione)

Articoli correlati

Storia di una Capitale | 24 maggio 2018

STORIA DI UNA CAPITALE

Publio Papino Stazio, primo poeta napoletano

NapoliCapitale | 23 maggio 2018

LA LETTERA

Il critico Cazzullo sul Corriere risponde a un lettore: “Napoli? Tenuta meglio di Roma”

Attualità | 21 maggio 2018

IN COMMISSIONE WELFARE

Allarme sicurezza e igiene al Vasto: anche il Comune parla di situazione “impossibile da gestire”