venerdì 24 novembre 2017
Logo Identità Insorgenti

LA RASSEGNA

All’Orto Botanico la 22esima edizione de “La scena Sensibile”: il teatro a misura di bambino

Teatro | 14 novembre 2017

Inizia domenica 19 novembre 2017, nella Giornata Mondiale per i diritti dell’Infanzia, la 22° edizione de “La Scena Sensibile”, rassegna di teatro per la scuola e le nuove generazioni. La programmazione, realizzata da I Teatrini con il contributo di MiBACT, Regione Campania, Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, in collaborazione con Mostra d’Oltremare di Napoli, Università’ degli Studi Federico II, Direzione dell’Orto Botanico di Napoli e AGIS Campania, è inaugurata dallo spettacolo “Cappuccetto e la nonna” con Vania Pucci e Adriana Zamboni, di scena al Teatro dei Piccoli di Napoli, domenica 19 (ore 11, in replica lunedì 20 e martedì 21, alle ore 10).
Ispirato a una delle fiabe più popolari d’Europa, nota al pubblico nelle versioni di Charles Perrault e dei Fratelli Grimm, l’allestimento realizzato da Vania Pucci e Lucio Diana per Giallo Mare Minimal Teatro di Empoli trasporta sul palco la storia di una dolce nonnina nella sua casetta dal tetto rosso che tra fiori, pentole e gomitoli di lana, insegna alla nipotina a difendersi dal lupo per diventare grande. Una ricerca drammaturgica sui rapporti adulto-bambino che combina, in modo assolutamente originale, teatro, arti visive, musica e nuove tecnologie.
La Scena Sensibile, realtà ormai consolidata nel tempo, proporrà tra il Teatro dei Piccoli, l’Orto Botanico e lo Spazio Comunale Piazza Forcella, 21 spettacoli in tutto, selezionati dai curatori Giovanna Facciolo e Luigi Marsano tra le grandi produzioni italiane dedicate ai grandi classici della letteratura per l’infanzia e distribuiti in oltre 140 recite fino al 3 giugno 2018. Adattamenti di testi noti come Cenerentola, Hansel & Gretel e Biancaneve, passando per Esopo e La Fontaine, fino alle scritture originali come “Nella pancia di papà” di Ruotalibera Teatro di Roma, “Miotuonostro” del Pandemonium Teatro di Bergamo e “Ho un lupo nella pancia” di Babilonia Teatri/La Piccionaia, per rinnovare a Napoli l’appuntamento in teatro per le nuove generazioni di spettatori. La nuova stagione propone ai bambini, di età compresa tra i 3 ed i 12 anni, tanti spettacoli che, nell’offerta realizzata da 14 tra le più affermate compagnie teatrali nazionali, fondono i grandi classici a temi di straordinaria attualità. Saranno di scena a Napoli gli spettacoli del Teatro dei Colori di Avezzano (Mulan e il Drago), Granteatrino/Casa di Pulcinella di Bari (Pulci Lele, in omaggio al grande Lele Luzzati), il Teatrino dei Fondi di San Miniato, Il Balletto di Napoli (con Le Fiabe Danzate), il Teatro Bertolt Brecht di Formia, la Fondazione AIDA di Verona, Proscenio Teatro di Fermo, il Teatrino dell’Es di Bologna, il Teatro La Contrada di Trieste e Fontemaggiore di Perugia. Alle loro proposte originali si aggiungono le tante produzioni de I Teatrini che presentano, ad esempio, un nuovo ciclo di recite di “Nella Cenere (Cendrillon)”, il pluripremiato spettacolo scritto e diretto da Giovanna Facciolo al traguardo delle sue 260 repliche programmate nei teatri di tutt’Italia, ma anche appuntamenti “speciali” al Teatro dei Piccoli e a Piazza Forcella per la Befana e per Carnevale e le tante favole itineranti nella nuova edizione delle Fiabe di Primavera all’Orto Botanico di Napoli (da marzo 2018).
“Anche quest’anno con il nostro lavoro – sottolineano i curatori – cercheremo di avvicinare i piccoli al gusto del bello e, allo stesso tempo, alla fruizione ed alla condivisione di momenti ed esperienze culturali di grande fascino. Per noi, più che ‘spettatori’ del domani, i bambini sono ‘attori’ del presente”. Info e prenotazioni: 0810330619 www.iteatrini.it.

Articoli correlati

Cultura | 23 novembre 2017

LO SPETTACOLO

Van Gogh Immersive Experience: tutti i venerdì è anche teatro, nel segno di Vincent

Identità | 17 novembre 2017

AL TRIANON VIVIANI

Essere terroni? E’ una fortuna. Parola di Paolo Caiazzo, nello spazio di Forcella dal 23 novembre

Mondo | 4 novembre 2017

IL GRANDE RITORNO

Riccardo Muti torna al San Carlo per dirigere Così fan tutte, co-prodotto con la Wiener Staatsoper