giovedì 24 maggio 2018
Logo Identità Insorgenti

L’INCHIESTA

Storia di Paolo Tagliavento, l’arbitro amico della Juventus

Sport | 10 maggio 2018

Paolo Tagliavento è uno degli arbitri italiani più noti ed affermati. Appartiene alla sezione A.I.A. di Terni.
Ha debuttato in Serie A il 16 maggio 2004 in occasione di Chievo-Bologna. Nel 2006 è stato coinvolto nell’inchiesta relativa a ‘Calciopoli’: il suo nome compariva nei verbali di alcune intercettazioni oggetto dell’indagine. Dopo tutti gli approfondimenti del caso è stato completamente e pienamente scagionato dalle accuse nell’ambito del procedimento della giustizia sportiva. Abbiamo raccolto alcuni episodi che lo vedono purtroppo sfortunato protagonista quando c’è da arbitrare la Juve.
Eccoli riepilogati i principali che racchiudono casi avvenuti tra il 2011 ed il 2018, 8 stagioni di campionato, con 10 episodi e delicati. Tutti hanno finito con l’avvantaggiare la Juventus. Paolo Tagliavanto infatti:
* è tra i pochi arbitri che negli ultimi anni ha fatto ribattere un calcio di rigore. È accaduto ad Hamsik in Napoli-Juve 3-3 (Anno 2011). Anche il 2° rigore, calciato fuori, andava ripetuto se fosse stato riapplicato il criterio attuato nel 1° rigore che Hamsik aveva messo a segno
* è l’arbitro che in Napoli-Juve 3-3 (Anno 2011) non annullo’ il 3° goal bianconero sebbene viziato da fallo su Maggio (segnalato da tutti i moviolisti)
* è l’arbitro che convalidò un gol della Juventus contro l’Inter nonostante fosse due metri in fuorigioco (Anno 2012)
* è l’arbitro che in Juve-Inter (Anno 2012) non diede il rosso a Lichtsteiner, che già ammonito falcio’ Palacio.
* è l’arbitro che in Napoli-Juve (Anno 2015) non annullo’ il goal di Caceres, sebbene il bianconero fosse in evidente fuorigioco.
* è l’arbitro di Milan-Juve (anno 2012) in cui non vede il famosissimo goal di Sulley Muntari con la palla 1 metro dentro la porta alle spalle di Buffon.
* è uno degli arbitri di area di rigore a Pechino nella contestatissima finale di Supercoppa Juve-Napoli (anno 2012).
* è l’arbitro che abbraccia Gigi Buffon al termine di Juve-Lazio (anno 2017).
* è l’arbitro che non ammonisce Pjanic nel corso di Sampdoria-Juventus (Anno 2017). A lui il calciatore bosniaco dà il cinque con la mano dopo il mancato giallo (Pjanic, già diffidato, evitando l’ammonizione avrebbe poi giocato il 2 aprile successivo il decisivo match di campionato contro il Napoli).
* è l’arbitro protagonista del tanto discusso siparietto con l’allenatore bianconero Massimiliano Allegri dopo Inter-Juve di sabato 28 aprile scorso.

Infine Paolo Tagliavento è l’arbitro a cui José Mourinho fece il famigerato gesto delle manette perché in un famoso Inter-Sampdoria ridusse, dopo pochi minuti, i nerazzurri in 9 uomini.

Paolo Trapani

Articoli correlati

Sport | 24 maggio 2018

IL COMMENTO

De Giovanni: “Ancelotti grande allenatore ma irrispettoso come è stato liquidato Sarri dalla società”

Sport | 24 maggio 2018

CIAO MAURIZIO

Il nostro saluto al Comandante Sarri: perché il ricordo del suo Napoli e della sua Grande Bellezza sarà davvero eterno

Sport | 24 maggio 2018

LA STORIA

Carlo Ancelotti, la Juve e quel “vaffa” alla curva bianconera