lunedì 23 ottobre 2017
Logo Identità Insorgenti

MARITTIMI

La partenopea Grimaldi assume 500 persone per diversi profili professionali

Lavoro | 6 ottobre 2017

Il gruppo armatoriale napoletano Grimaldi ha annunciato di aver avviato il processo per la selezione ed assunzione di 500 marittimi italiani da impiegare sulle proprie nuove navi attualmente in costruzione nell’ambito del programma di potenziamento e ringiovanimento della flotta della compagnia.

I profili professionali richiesti riguardano le sezioni di coperta (comandante, primo ufficiale, allievo ufficiale, ufficiale di navigazione, nostromo, marinaio, carpentieri, mozzo), macchina (direttore, primo ufficiale di macchina, ufficiali, allievo ufficiale, operaio motorista, operaio meccanico, ottonaio, giovanotto macchina, elettricista) ed hotel (commissario di bordo, cuoco, cuoco equipaggio, piccolo e garzone cucina, piccolo e garzone di camera, cameriere, primo cameriere). Per le candidature il gruppo ha attivato una pagina internet dedicata all’indirizzo www.grimaldi.napoli.it/it/careers.html.

Attualmente il gruppo Grimaldi impiega oltre 13.500 persone, con un 78% di personale europeo e 22% extra-europeo, di cui 4.100 a terra e 9.400 a bordo delle unità della flotta. Per quanto riguarda il personale marittimo, il gruppo impiega sulle sue oltre 120 navi con varie bandiere europee (italiana, finlandese, svedese, inglese, greca e maltese) 4.600 italiani, 2.500 europei e 2.300 extra-europei. Grimaldi ha specificato che i marittimi italiani sono imbarcati sulle navi che percorrono sia rotte in cabotaggio nazionale sia rotte nord-europee ed atlantiche.

Sta intanto avanzando il piano di potenziamento della flotta del gruppo partenopeo: nelle scorse settimane è stata presa in consegna la nave Grande Baltimora, prima di un ordine di dieci Pure Car & Truck Carrier (PCTC) che verranno consegnate entro il 2019 ed impiegate nei collegamenti Mediterraneo-Nord America. Inoltre è in fase di definizione l’ordine di altre sei meganavi ro-ro della generazione Grimaldi Hybrid Ro/Ro (G5GG), con l’opzione per altre quattro, che serviranno le autostrade del mare del gruppo nel Mediterraneo. Infine entro la fine di questo mese il gruppo impiegherà il traghetto ro-pax Finneagle, ribattezzato Euroferry Corfu, sulle rotte in cabotaggio nel Mediterraneo occidentale e rientreranno in flotta a gennaio 2018 i traghetti ro-pax Amsicora e Bonaria.

Articoli correlati

Europa | 10 ottobre 2017

LA LETTERA

De Magistris al Presidente Anci: “No alla direttiva Bolkestein per concessioni di suolo e di beni ai fini commerciali”

Attualità | 3 ottobre 2017

IL CONVEGNO

Il “lavoro del futuro” alla Camera di Commercio organizzato da “Il Brigante” e “Siamo tutti briganti”

Diritti e sociale | 20 settembre 2017

LA PROTESTA

Dai balconi di palazzo Reale i lavoratori licenziati da Hitachi non mollano: vogliamo indietro il nostro posto