martedì 23 maggio 2017
Logo Identità Insorgenti

MEMORIE UTILI

350mila euro sequesteati alla Atitech spa. Indagato Lettieri, che voleva cambiare Napoli (e che ha già lasciato il consiglio comunale)

Attualità, NapoliCapitale, Seconda Slide | 13 aprile 2017

E’ notizia di oggi il sequestro disposto dal gip del Tribunale di Napoli e eseguito dalla Guardia di Finanza per un valore di 350mila euro trovati nella disponibilità della Atitech spa, azienda leader nella manutenzione e riparazione di aerei e veicoli spazial e che il presidente del cda Gianni Lettieri risulta indagato per operazioni commerciali ritenute inesistenti per il 2011.

Dagli accertamenti, condotti su indicazione della Procura-Sezione Reati di Criminalità economica, è emerso che la  S.G. srl non poteva eseguire la verniciatura dei velivoli in quanto risultata una “società cartiera” cioè, sostengono gli investigatori, creata esclusivamente per emettere fatture per operazioni inesistenti.

Dagli approfondimenti eseguiti anche dall’Agenzia delle entrate è emerso che la società “cartiera” non ha mai presentato il bilancio e la dichiarazione dei redditi per il 2011 e non avrebbe mai avuto rapporti commerciali con Atitech spa la quale avrebbe messo in piedi un’evasione fiscale fondata sul pagamento delle 41 fatture emesse da S.G. srl, per 640mila euro, relative a operazioni risultate inesistenti.

Accuse a cui, inutile dirlo, Lettieri si dichiara estraneo:  “La nostra società è inequivocabilmente parte lesa – dichiara l’imprenditore – Io mi sono limitato, in qualità di presidente di Atitech SpA, a firmare la dichiaraziona Iva. Preciso, inoltre, che la S.G. srl era una società già operativa in Atitech prima del nostro arrivo e che lavorava regolarmente con altre società del settore, sia per treni che aerei. Da parte mia c’è grande serenità perchè la condotta di Atitech, come sempre, è stata cristallina”.

Quanto Lettieri sia responsabile di tutto questo sarà la magistratura a chiarirlo. A noi preme ricordare – purtroppo ce lo ricordano i social in queste ore – che esattamente un anno fa Lettieri era nel pieno della sua campagna elettorale contro Luigi de Magistris, dove si era proposto come rinnovatore e moralizzatore della città, con un dispendio di energie e soprattutto di denaro inusitato, con 3×6 ovunque dove si dipingeva la città come Sodoma, come se non bastasse gomorra. Sosteneva Lettieri che Napoli era la città con giunta e consiglieri più cari d’Italia, con la maggior parte del tempo trascorso dagli automobilisti nel traffico, con le tasse più alte dello stivale, con la peggior qualità della vita. E soprattutto sosteneva che era la città con più rapine.

Si era scatenata un anno fa una gara al manifesto “pezzotto”, perché i napoletani su certe fesserie sanno riderci su. E qualcuno aveva scritto “o primm mariuolo sì tu”. Ora, fermo restando che Lettieri è solo indagato, una cosa però vogliamo dirla: a meno di un anno da allora Gianni Lettieri si è già dimesso dal consiglio comunale, dove non si era per altro quasi mai visto. E risulta anche indagato per operazioni tutte da chiarire della sua azienda. Insomma diciamo che quanto meno sparare a zero falsità sulla città non gli ha portato un gran bene. Nè lo ha portato ai suoi sostenitori che in questi 10 mesi dalla rielezione di de Magistris non hanno fatto altro che starnazzare su questioni morali (del tutto pretestuose) che coinvolgerebbero il sindaco (ad esempio sugli spazi liberati). E invece oggi la sorpresa: che sarà anche “cristallino” Lettieri in atitech. Ma in questi pochi mesi ha dimostrato comunque tutto il suo grigiore politico. Altro che scugnizzo della Duchesca…

 

 

Articoli correlati

Attualità | 22 maggio 2017

SERIE TV VS CINEMA

A Cannes annunciato Nastro dell’anno a “The Young Pope” del napoletano Sorrentino: per la prima volta il premio a una serie (in barba ad Almodovar)

Attualità | 20 maggio 2017

SANITA’ DI NUOVO IN PIAZZA

In duecento per dire no alle stese nel Rione e per chiedere più presidi di sicurezza

Attualità | 20 maggio 2017

IL TOUR DELLA MEMORIA

Tutti gli “espositi” del mondo nascono a Napoli