martedì 23 ottobre 2018
Logo Identità Insorgenti

MUSEO FILANGIERI

Arriva la svolta: Paolo Iorio nuovo direttore. Dirige già il Museo del Tesoro di San Gennaro

Beni Culturali | 11 gennaio 2018

Una vera e propria svolta per il Museo Civico Filangieri: Paolo Jorio è il nuovo direttore dello spazio di via Duomo. La nomina è arrivata ieri pomeriggio, nel corso della riunione del consiglio di vigilanza di Palazzo Como, i cui componenti — Comune di Napoli ed eredi Filangieri, rappresentati da Riccardo Imperiali di Francavilla — hanno preso atto delle dimissioni di Gianpaolo Leonetti, da 14 anni al vertice dell’istituzione. Un riconoscimento, quello deciso da Imperiali e Daniele, alla capacità manageriale di Jorio, che ha gestito in questi anni in modo egregio il museo del tesoro dei napoletani, di cui conserverà la direzione, con l’idea di creare immediata sinergia con il nuovo spazio che gli è stato affidato, quel museo Filangieri per il quale negli scorsi mesi abbiamo combattuto con tante associazioni per scongiurarne la chiusura. Un museo che necessitava di una ventata di aria fresca e di una serie di iniziative innovative, che sicuramente Jorio sarà all’altezza di portare a compimento.

«Siamo molto soddisfatti di questa scelta. È un nome che dà grande garanzia visto l’operato alla direzione del Museo del Tesoro di San Gennaro» è il commento dell’assessore alla cultura del Comune Nino Daniele. «Si è giunti a questa decisione – ha aggiunto l’assessore – dopo aver constatato che la revisione dello statuto da Ente morale in Fondazione, passaggio per noi non praticabile, era invece per Leonetti una conditio sine qua non. Quella di Jorio è una nomina che rafforza La via dei Musei, il protocollo di rilancio di questa arteria d’arte. L’apertura della stazione della metropolitana, il progetto Unesco per la risistemazione di via Duomo, la riconsegna dei Girolamini e la guida di un direttore dinamico come Jorio, faranno della strada un nuovo cuore internazionale della città».

L’obiettivo dichiarato di Jorio, adesso, è di creare una rete con il Museo del Tesoro che con le sue 94mila presenze faccia da traino al Filangieri.

Al neo-direttore, tra i protagonisti anche del nostro docufilm Sangue di un popolo, gli auguri più affettuosi della redazione di Identità Insorgenti.

Articoli correlati

Beni Culturali | 16 ottobre 2018

LA STATUA DEL NILO

Il Corpo di Napoli: uomo o donna? Un dilemma di molti secoli fa

Beni Culturali | 11 ottobre 2018

ATLANTE DEI LUOGHI DIMENTICATI

Sulla tomba abbandonata di Scipione l’Africano, dove i turisti americani si chiedono “Perché è chiusa?”

Beni Culturali | 26 settembre 2018

FASHION WEEK DI MILANO

Una mostra con la “Cassetta farnese” di Capodimonte celebra la perfezione e chiude la settimana della moda