martedì 30 maggio 2017
Logo Identità Insorgenti

NAPOLI VELATA

Tra Museo Archeologico, decumano e lungomare domani il primo ciak per Ozpetek

Cinema, NapoliCapitale | 12 maggio 2017

Partono domani 13 maggio le riprese di ‘Napoli Velata’, il nuovo film di Ferzan Ozpetek, interamente girato nella città partenopea per 7 settimane. In una Napoli sospesa tra magia e superstizione, follia e razionalità, un mistero avvolge l’esistenza di Adriana (Giovanna Mezzogiorno) travolta da un amore improvviso e un delitto violento.

“Racconto i segreti di una città che conosce oro e polvere, una città pagana e sacra allo stesso tempo – sottolinea in una nota il regista – E dentro alla cornice del thriller esplode una potente storia d’amore con un omicidio di sfondo”. Nel cast, accanto a Giovanna Mezzogiorno e Alessandro Borghi, figurano Anna Bonaiuto, Isabella Ferrari, Lina Sastri, Peppe Barra, Luisa Ranieri, Biagio Forestieri e Maria Pia Calzone. Napoli Velata, con la sceneggiatura firmata dal regista insieme a Gianni Romoli e Valia Santella, è prodotto da Tilde Corsi e Gianni Romoli per R&C Produzioni con Warner Bros. Entertainment Italia e Faros Film. Sarà distribuito da Warner Bros Pictures dall’11 gennaio 2018.

I set saranno dislocati in diverse zone della città, tra cui il Museo Archeologico, come Ozpetek stesso ha rivelato nei mesi scorsi, centro storico (zona decumano) e lungomare di Napoli. Napoli Velata sarà il racconto di una città sospesa tra magia e superstizione, come ha detto lo stesso regista. E Napoli sarà ancora protagonista di un set internazionale.

Articoli correlati

Campania | 22 maggio 2017

GIFFONI FILM FESTIVAL

“Into the magic” tema della 47esima edizione. E per i 50 la richiesta di entrare nel patrimonio unesco

Attualità | 22 maggio 2017

SERIE TV VS CINEMA

A Cannes annunciato Nastro dell’anno a “The Young Pope” del napoletano Sorrentino: per la prima volta il premio a una serie (in barba ad Almodovar)

Cinema | 15 maggio 2017

GLOTTOTÒLOGIA

Ermete Ferraro racconta la lingua del Principe tra il serio e il faceto