domenica 20 agosto 2017
Logo Identità Insorgenti

OPERAZIONE VERITA’

Bagnoli, in un video di Dema le differenze tra il piano Renzi e quello firmato da de Magistris

Attualità, Infrastrutture e trasporti, NapoliCapitale | 6 agosto 2017

In un video il gruppo Dema, il movimento di Luigi de Magistris, prova a fare quella che considera un’operazione verità, anche in risposta a Matteo Renzi che nei giorni scorsi aveva affermato che il piano firmato da Gentiloni e dal sindaco di Napoli era lo stesso che de Magistris aveva rifiutato di firmare negli anni scorsi.

«Per decenni abbiamo buttato via milioni di euro per Bagnoli. Ieri il presidente Gentiloni e il sindaco di Napoli hanno convenuto la cabina regia: è la stessa che avevamo proposto il 6 aprile quando al Comune di Napoli ci accolsero con le uova. Ieri lo hanno accettato e io sono molto contento» aveva detto Renzi all’indomani della firma sull’accordo.
E così da Dema hanno deciso di replicare con un video dove si illustrano, invece, le differenze, attenunando un po’ i toni trionfalistici dei precedenti post (“Decide la città”, una autentica bugia trasformata in propagandella populistica in nulla).
Stavolta quanto meno si prova a far chiarezza. Nella didascalia del video, infatti, si legge: “Bagnoli prima e dopo Renzi: Gli obiettivi raggiunti dal comune contenuti nel patto del Luglio 2017

Nel video tutti i dettagli e le differenze fra il progetto presentato da Invitalia nel febbraio 2016 e approvato dalla cabina di regia del governo Renzi ad aprile del 2016 e quello siglato a Roma in cabina di regia presieduta dal premier Paolo Gentiloni alla presenza del sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

Particolari che nel filmato evidenziano come l’amministrazione comunale sia riuscita a centrare gli obiettivi per restituire Bagnoli e Coroglio ai napoletani.

Preleva e condividi il dettaglio del progetto in formato PDF: https://goo.gl/tR1G5W “

Nel filmato sono spiegati ed evidenziati attraverso le immagini e le proiezioni tutti gli obiettivi raggiunti dal Comune di Napoli rispetto al precedente piano: “Le vittorie della amministrazione comunale riguardano la realizzazione della spiaggia pubblica con la passeggiata a mare e con un lungomare attrezzato e fruibile essendo state cancellate le strutture di attività e servizi frapposte tra il parco e la spiaggia. Di seguito, l’arretramento del cosiddetto “miglio azzurro”, previsto nell’area ex Cementir che si sarebbe realizzato a discapito del grande parco urbano. Per ciò che riguarda Coroglio, il permanere degli abitanti nell·antico borgo che non sarà più cancellato per fare spazio alle residenze turistiche legate alla nautica da diporto. Ancora, la condivisione da parte di Invitalia e del Governo del principio approvato nel Pua di Bagnoli (piano urbanistico attuativo) del valore parametrico dei suoli che evita pressioni speculative sulle destinazioni delle singole aree. La proprietà pubblica delle aree di intervento anche attraverso l’esproprio di quelle private interessate al programma”. Fondamentale poi, per demA, “il coinvolgimento economico dei privati responsabili dell’inquinamento secondo il principio europeo “Chi inquina paga”, come stabilito dall’ordinanza sindacale del 3/12/2013″. Nello specifico, come spiegato nelle immagini, le diversità fra i due progetti evidenziate da demA. * Waterfront e spiaggia pubblica 2016 – Proposta Invitalia: Presenza di piscine sul lungomare, Moduli commerciali, Strutture ricettive 2017 – Accordo Governo Regione Comune: Spiaggia pubblica di 2 km di lughezza, Ripristino morfologia della costa, Attività ricettive localizzate nel salto di quota derivante dalla rimozione della colmata * Miglio azzurro 2016 Proposta Invitalia: il “Miglio Azzurro” è localizzato nell’area ex Cementir (proprietà Caltagirone) 2017 2017 – Accordo Governo Regione Comune: il “Miglio Azzurro” viene delocalizzato nelle aree a ridosso di via Cattolica, mentre l’area ex Cementir viene destinata a parco urbano Riguardo Pontile nord 2016 Proposta Invitalia: l’intera radice del Pontile Nord è caratterizzata da un’evidente struttura costruita, formata da nuovi moduli aggiuntivi per attività tecnologiche e spazi espositivi multifunzionali 2017 2017 – Accordo Governo Regione Comune: per il Pontile Nord si conferma, come da indirizzi del Comune di Napoli, l’utilizzo a passeggiata pubblica, con il solo recupero dei locali preesistenti * Borgo Coroglio 2016 Proposta Invitalia: nel Piano di lnvitalia, approvato nella seduta della cabina di regia presieduta dall’allora Presidente del Consiglio Renzi, si approva la completa eliminazione del Borgo di Coroglio 2017 – Accordo Governo Regione Comune: il Piano rivede l’abbattimento del Borgo di Coroglio approvato nel 2016 e ne definisce la conservazione, attraverso il recupero e la riqualificazione dei volumi residenziali * Porto Nisida 2016 Proposta Invitalia: il Piano prevede la localizzazione di 700 posti barca di media-grande dimensione con megayacht, porto a secco, strutture a supporto dell’attività nautica e ricettiva 2017 Accordo Governo Regione Comune: la dimensione del porto non supera i 20 ettari con previsione di riuso dei volumi esistenti per attività ricettive e a supporto diportistico * Parco Urbano 2016 Proposta Invitalia: il Parco si riduce a 85 ettari di superficie, accogliendo volumi destinati a produzione di beni e servizi e localizzando il “Miglio Azzurro” nel parco, con ulteriore riduzione delle sue dimensioni 2017- Accordo Governo Regione Comune: il Parco Pubblico torna ad avere, come programmato dal Comune di Napoli, una estensione continua non inferiore a 120 ettari. Nel dimensionamento urbanistico si reintroduce l’indice di fabbricabilità di 0.68 mc/mq”.

Di seguito il video pubblicato sulla pagina fb di Dema.

#Bagnoli   #dema   #video  

Articoli correlati

Attualità | 18 agosto 2017

IL PARALLELO

Per l’Agi Garibaldi rischia la fine del generale Lee. Ma per noi non c’è passato senza presente, nella terra dove si muore ancora d’Italia

Attualità | 11 agosto 2017

MODERNA RUOTA DEGLI ESPOSTI

Al Policlinico primo bimbo abbandonato nella “culla termica” (gallery Roberta Basile – KontroLab)

Attualità | 11 agosto 2017

MISURE DI PREVENZIONE

Incendi, nuovi obblighi per chi ha terreni e giardini a Napoli. Ma sparare fuochi si può