martedì 23 ottobre 2018
Logo Identità Insorgenti

Freiraum Napoli: un documentario sulla libertà nello spazio pubblico che parte dal Settecento

Cinema, Media e new media, NapoliCapitale | 13 febbraio 2018

Due artisti e un urbanista alla scoperta di Napoli. Il filo conduttore è il concetto di libertà,  di autoorganizzazione degli spazi, legato dunque a Napoli e qui indagato attraverso un’indagine sulla gestione dello spazio pubblico. Bianco-Valente e Fabio Landolfo presentano il progetto Freiraum Napoli in questo video citato anche da Artribune.

Si parte dall’epigrafe del luglio del 1773 quando evidentemente i sediari affollavano le strade in eccesso al punto che Ferdinando IV ed in subordine Giovanni Maria IV, signore della famiglia Guevara-Sardo in qualità di “magnus magister iustitiarius”, su richiesta probabilmente dell’illustrissimo Principe di Palmerici o dei monaci della congrega di San Demetrio, decise di lanciare un editto promulgato dal locus sigilli Marcello Fero, proclamato ad alta voce e dopo il suono di tromba da parte dell’ “ordinario trombetta” Domenico Zito e riportato a imperitura memoria su una enorme lapide da Gaetano e Giacinto Bova.
Chiunque avesse avuto intenzione di contravvenire alle indicazioni date dal bando sull’ordine pubblico sarebbe finito in galera. Il “banno” sopravvive tutt’ora di fronte Palazzo Penne.
Ecco il testo del banno:

“Banno,ordine e comandamento da parte della G.C. della Vicaria e del suo Gran Maestro Giustiziero, signori regente e giudici di quella, per il quale si fa ordine e mandato a tutte e qualsivogliano persone di qualunque grado o condizione si siano, che dal giorno della pubblicazione del presente banno non ardiscano, nè presumano di occupare, nè impedire, nè tampoco imbrattare nè alli sediari tenervi le sedie avanti il largo della Casa Palaziata dell’illustre principe di Palmerici, sito in questa città di Napoli, per essere comune detto largo tra esso illustre principe ed il venerabile collegio di S. Demetrio della congregazione sommasca, come consta dagli atti, sotto pena della di loro carcerazione nel caso di controvenzione al presente banno.
Verum se qualche persona si sente gravata comparisca in questa G.C. e nella sottoscritta banca fra lo spazio di giorni sei decorrendi dal giorno della pubblicazione in avanti, che se li farà complimento di giustizia, altrimenti si procederà in contumacia, Napoli, lo 19 luglio 1773
Locus Sigilli Marcellus Ferro

A Di ventiquattro luglio 1773 Napoli. Io sottoscritto Domenico Zito ordinario trombetta della G.C. della Vicaria refero di aver pubblicato il sopraddetto banno nel largo di S. Demetrio e avanti il palazzo dell’illustre principe di Palmerici a suono tromba ad alta ed intelligibile voce more praeconis ut moris est.
Domenico Zito ho pubblicato ut supra

Cajetanus Bova actorum magister
Hyacintus Bova scriba

Articoli correlati

Cinema | 12 ottobre 2018

ATTORI DIMENTICATI

20 anni fa scompariva il napoletano Gigi Reder, non solo spalla di Fantozzi

Cinema | 10 ottobre 2018

BANDI ALL’ITALIANA

Cinema, professionisti-selezionatori “a gratis”: così il Ministero sceglierà i film da finanziare

Cinema | 9 ottobre 2018

PRIMO CIAK

“Il giorno più bello del mondo”. Iniziano le riprese del film di Alessandro Siani al teatro Politeama