sabato 16 dicembre 2017
Logo Identità Insorgenti

VIGNA BORBONICA

La direzione della Reggia di Caserta “noleggia” il terreno: per ricreare il vino e prodotti col marchio “Reggia”

Agroalimentare, Ambiente, Arte e artigianato, Attualità, Battaglie, Beni Culturali, Campania, Cultura | 10 gennaio 2017

veduta_parco-_cascatelle_con_torrione_sullo_sfondo

La Direzione della Reggia Di Caserta ha deciso di concedere in gestione un’area di circa 2 ettari ubicata all’interno del Bosco di San Silvestro per ripristinare la coltivazione dell’antica vigna borbonica omonima facente parte dell’antico complesso vanvitelliano.

A tale scopo sul sito della Reggia di Caserta è stato pubblicato un avviso per raccogliere le manifestazioni di interesse da parte di operatori economici.

Il canone di concessione sarà fissato in sede di procedura concorsuale ma è orientativamente stimabile in duemila euro mensili, da corrispondere a partire dal terzo anno della concessione oltre alle royalties sulla vendita del prodotto.

Una vicenda che certamente andrà monitorata e seguita per valutare, in eventuale sede di assegnazione, l’operato del “prescelto” e le condizioni che seguiranno all’assegnazione.

Per ora i requisiti per effettuare la richiesta sonoquelli generali di idoneità morale, capacità tecnico-professionale ed economico-finanziaria previsti dall’art. 80 del D. Lgs. 50/2016 del Codice dei Contratti.

Il servizio ha per oggetto la gestione dell’area all’interno del Bosco di San Silvestro per ricreare l’antica vigna borbonica con la piantumazione dei vitigni originari e la successiva produzione vinicola. L’attività dell’impianto potrà comprendere le seguenti funzioni: 1) Impianto della vigna secondo le indicazioni storiche disponibili; 2) Lavorazione della vigna secondo le necessità agronomiche stagionali; 3) Raccolta delle uve e conferimento in cantina dell’azienda per la produzione del vino; 4) Piano di marketing per la Commercializzazione del prodotto con marchio esclusivo dedicato alla Reggia. E’ inclusa la possibilità di utilizzo del marchio ufficiale della Reggia di Caserta.

Una iniziativa che,  se “fatta bene”, costituisce comunque un potenziale valore aggiunto per la valorizzazione di un sito che accresce di anno in anno il numero dei propri visitatori.

Qui il bando completo

Il Lazzaro

Articoli correlati

Agroalimentare | 15 dicembre 2017

STAMPA INTERNAZIONALE

L’arte dei pizzaioli napoletani, patrimonio Unesco, celebrata dal NY Times

Agroalimentare | 12 dicembre 2017

PRIMO PEZZOTTO UNESCO

Galbani sciacalla sulla pizza patrimonio mondiale. Pizzaioli napoletani e partenopei furibondi

Beni Culturali | 12 dicembre 2017

REGGIA DI CASERTA

Iniziano oggi i lavori di ripristino, dopo il crollo nella Sala delle Dame