venerdì 26 febbraio 2021
Logo Identità Insorgenti

100 disegni per Canzanella: l’iniziativa di Spiff in collaborazione con Identità Insorgenti

Identità | 19 Febbraio 2021

La sartoria teatrale di Vincenzo Canzanella, che rischia la chiusura per lo sfratto ricevuto nei giorni scorsi dal Comune di Napoli dal complesso di Sant’Eligio, in questi giorni è stata circondata di affetto e solidarietà.

Con Andrea Maresca, il nostro Spiff, con il quale da anni ormai c’è una collaborazione nel segno dell’amore per i simboli di Napoli e di una solida amicizia, abbiamo deciso di fare qualcosa di concreto. Un piccolo gesto di solidarietà che possa coinvolgere tutti i napoletani che vogliono fare qualcosa per l’anziano e storico sarto di scena, custode degli abiti di Eduardo e Luca De Filippo e autore di costumi sontuosi e importanti che hanno fatto la storia del nostro teatro, del nostro cinema e non solo, anche fuori dai nostri confini locali.

Ed ecco nascere questo bel ritratto di Canzanella, firmato Spiff. Abbiamo deciso di stamparlo in 100 copie e di metterle in vendita a 10 euro l’una per poter far arrivare l’intero ricavato, un piccolo contributo economico d’amore, al caro Vincenzo attraverso i napoletani stessi.

E Canzanella è stato felice… come si vede scattata stamattina dal nostro Sergio Valentino, che in diretta dalla sartoria a Sant’Eligio ha fatto il punto della situazione, presentando anche la nostra piccola idea.

“Vorrei ringraziare personalmente Andrea Maresca e Identità Insorgenti – dichiara il maestro Canzanella – questo è un bellissimo omaggio, dimostrazione di grande sensibilità e affetto non solo nei miei confronti ma nei confronti di tutto il lavoro svolto dal 1975 ad oggi. In questo posto ci sono tutti i costumi fatti per Eduardo, per il Teatro. Un lavoro immenso che non può essere disperso. Siamo qui senza nessuna soluzione, senza nessun aiuto. Un assessore alla cultura inesistente, che non si è fatto sentire… altri che invece si sono interessati ma poi non hanno trovato soluzione… La tristezza, la desolazione è grande. Grazie a tutti i cittadini che hanno dimostrato il loro sostegno. Non so cosa pensare, cosa fare. Mi stanno telefonando da tutto il mondo, da tanti Teatri per sostenermi, per darmi vicinanza”.

Ecco, noi oltre alla vicinanza vogliamo dare un piccolo contributo. Non servirà a risolvere i problemi di Canzanella – che devono essere risolti dalle istituzioni. Ma daranno un po’ di respiro al nostro grande e anziano sarto. E consentiranno a chiunque di poter contribuire con un piccolo gesto. Oltre a conservare un disegno bellissimo, firmato Spiff.

Un’iniziativa simbolica che parte dal basso a sostegno di un vero e proprio patrimonio culturale della nostra città. Dopo Gianfranco Gallo, Isa Danieli, l’ex assessore Nino Daniele, intervistati su queste pagine, e tanti altri personaggi del mondo del Teatro e della cultura napoletana, molti si sono schierati a sostegno dello storico sarto contro la decisione del Comune.

“Chi vive di arte e di cultura va tutelato – sostiene Andrea Maresca – per questo abbiamo voluto dar vita ad un’iniziativa che potesse, anche se solo simbolicamente, dare un gesto di aiuto concreto a Vincenzo Canzanella.”

L’illustrazione dedicata, riprodotta in 100 copie, sarà in vendita presso Spiff Creation, in Via Benedetto Croce 20, a partire da domani al costo di 10 euro. I proventi della vendita saranno interamente devoluti alla Sartoria come gesto simbolico da parte dei cittadini.

La sartoria di Vincenzo Canzanella, la più antica della città, è vicino a Sant’Eligio, in uno spazio di 600 metri quadri dove sono esposti i costumi di stili ed epoche diversissime, indossati dai grandi del cinema e del teatro. 10mila abiti, tutti fatti a mano, capolavori che potrebbero essere il vanto della città, rappresentandone la storia nel mondo dello Spettacolo e dell’alta moda.

Ora questi gioielli di abilità sartoriale rischiano di essere ammassati in un deposito anonimo o, peggio, finire sulle bancarelle dell’usato di qualche mercatino di periferia. Lo schiaffo più ingiusto per chi, in questo ambiente e per questo lavoro, ha offerto il meglio delle capacità sartoriali, un patrimonio da tramandare con rispetto e venerazione, sapendo che lavori come questi sono frutto di amore più che di tecnica e abilità.

 

Hanno collaborato Sergio Valentino – Valentina Castellano

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 19 Febbraio 2021 e modificato l'ultima volta il 24 Febbraio 2021

Articoli correlati

Identità | 26 Febbraio 2021

San Gennaro patrimonio Unesco: riprende l’iter per la candidatura

Identità | 16 Febbraio 2021

Ravenna celebra Totò: al via il mosaico dedicato al Principe da una foto di Ugo Mulas

Identità | 15 Febbraio 2021

Casa di Totò alla Sanità: il proprietario inizia i lavori (senza l’aiuto delle istituzioni che hanno solo promesso)