fbpx
venerdì 10 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

IL 29 IN CORTEO

Siracusa in piazza per dire “basta veleno del petrolchimico”

Ambiente, Eventi | 28 Novembre 2014

basta veleni siracusa

E’ una delle zone più inquinate del nostro Sud, tant’è che il petrolchimico di Siracusa è stato classificato tra gli impianti più pericolosi d’Europa nella recente e drammatica classifica dell’AEA (Associazione Europea Ambiente). Anche per questo Siracusa torna sul piede di guerra, con un nuovo corteo organizzato e promosso dal comitato Basta Veleno dalla Zona Industriale, da un anno fortemente impegnato sul territorio con puntuali denunce e manifestazioni. L’appuntamento è per domani, 29 novembre, al camposcuola Pippo Di Natale, alle 9.30. Il corteo si muoverà poi verso la Prefettura per concludersi quindi in piazza Duomo.

“Faremo rumore, chiasso, daremo fastidio su questa vicenda che non conosce ormai limiti di tolleranza – dice il presidente del movimento cittadino, Peppe Resca – e saremo tanti, con le nostre magliette ufficiali. I primi a rispondere al nostro invito sono stati i giovani dei vari istituti superiori della città dove abbiamo tenuto assemblee e fatto volantinaggio. Al nostro fianco anche i comitati spontanei che da tempo lottano per la nostra stessa causa, tra questi le Mamme di Città Giardino, Belvedere, l’associazione Astrea e cittadini comuni che sono stati colpiti in prima persona dal male del secolo, il cancro”.

siracusa

Dal Comitato parte anche un invito rivolto all’azienda sanitaria provinciale per avviare uno screening gratuito per il rilevamento di metalli pesanti per tutti gli alunni delle scuole. Dopo l’incontro col Prefetto di Siracusa Armando Gradone, ha chiesto un incontro all’Arpa, l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale, e all’Asp per ottenere lo screening sanitario sugli studenti di tutta la provincia di Siracusa, cosi come è stato fatto a Milazzo dove sono state riscontrate presenze di metalli pesanti nelle urine dei ragazzi.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 28 Novembre 2014 e modificato l'ultima volta il 28 Novembre 2014

Articoli correlati

Ambiente | 2 Luglio 2020

L’APPELLO

Un manifesto per la Gaiola promosso dal Mann: “Vicini alla Csi per la salvaguardia dell’area”

Ambiente | 30 Giugno 2020

ANTEPRIME

Siamo scesi alla Gaiola che riapre il 3 luglio: bagnanti divisi per fasce orarie, prenotazioni obbligatorie on line

Ambiente | 24 Giugno 2020

L’INIZIATIVA

“Inclusione e ambiente”: cittadini uniti per spiagge e fondali puliti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi