sabato 17 aprile 2021
Logo Identità Insorgenti

A BACOLI

Tornano a splendere le notti della Casina Vanvitelliana, grazie all’impegno della nuova amministrazione

Attualità, Battaglie, Beni Culturali, Cultura, NapoliCapitale | 11 Ottobre 2015

casina vanvitelliana

Al Fusaro le notti tornano a essere magiche. Finalmente si può ammirare anche di notte la meraviglia magica della Casina Vanvitelliana. E questo grazie all’impegno mantenuto della nuova amministrazione comunale guidata da Josi Gerardo della Ragione.

Che sulla sua pagina fb scrive: “È una meraviglia il Parco Vanvitelliano. Dopo settimane di lavori siamo riusciti ad illuminare, di notte, il sito borbonico. Brilla la Casina Vanvitelliana. Uno spettacolo, che impreziosisce il patrimonio culturale flegreo, da anni lasciato incupire tra buio e degrado. Da oggi, grazie all’impegno dei dipendenti comunali di Bacoli, è tornata la normalità. Senza perdere tempo, senza lavori affidati a privati, in somma urgenza. Alla faccia di chi dice che il settore pubblico, non funziona”.

La casina, ricordiamo, fu realizzata nel 1782 Carlo Vanvitelli, per volere di Ferdinando IV di Borbone, su un isolotto sul lago Fusaro, per la caccia e la pesca. La costruzione è a pianta poligonale, composta da tre corpi ottagonali che si intersecano l’uno alla sommità dell’altro dando vita ad una geometria di forme concavo-convesse, terrazzi, scorci vetrati e suggestive prospettive. La costruzione è su due livelli. Al piano inferiore, organizzato intorno ad un salone centrale, due ambulacri posti l’uno a nord e l’altro a sud, rendono il piano più ampio rispetto a quello superiore. Quest’ultimo è infatti più piccolo e presenta quattro terrazze corrispondenti alle coperture dei deambulatori porticati del piano inferiore. Nella storia ha ospitato personaggi quali Mozart, Rossini, lo zar di Russia. Il pontile in legno collega la casina alla sponda del lago il cui perimetro è cinto da una banchina costruita con blocchi di pietra lavica del Vesuvio.

Da anni ormai la Casina viveva una delle sue stagioni peggiori. Ma grazie all’impegno della nuova giunta bacolese è pronta a vivere una nuova esistenza. Un esempio da parte di chi sa quanto è importante tutelare la storia e l’identità dei territori.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 11 Ottobre 2015 e modificato l'ultima volta il 30 Aprile 2017

Articoli correlati

Attualità | 16 Aprile 2021

De Luca: seguire una linea di rigore e attenzione sociale

Attualità | 16 Aprile 2021

Fondazione Ravello, Francesco Maria Perrotta è il nuovo presidente

Attualità | 16 Aprile 2021

Cinquecento sindaci del Sud al governo: Recovery Fund, il 40 per cento dei fondi non basta