fbpx
mercoledì 15 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

A NEW YORK

Si aprirà negli States il museo della pizza. Ma sarà un “museo esperienziale” che durerà solo due settimane. A Napoli si aspetta il PizzaVillage

Agroalimentare, Mondo, NapoliCapitale | 2 Maggio 2018

 

Aprirà il prossimo ottobre, a New York, il Museum of Pizza – MoPi. Concepito come un ‘temporary museum’, il Mo.Pi. – così si chiama il Museum of Pizza – rimarrà aperto per 15 giorni, dal 13 al 28 ottobre 2018, anche se già si parla di prolungare i termini. I biglietti sono già in vendita su Eventbrite e costano 35 dollari (che non è poco) e danno diritto oltre alla visita del museo, anche a un trancio di pizza. La buona notizia però è che sul sito ufficiale del museo è disponibile un codice sconto (PIZZALOVE) che vi farà risparmiare il 30% circa (10 dollari).
Presentato come “la prima avventura esperienziale della pizza”, lo spazio vanterà una galleria d’arte per la pizza, una grotta per i formaggi, una spiaggia per la pizza, meditazioni sulla pizza, proiezioni di film esclusivi (presumibilmente sulla pizza) e altro ancora. L’evento è organizzato dallo studio di design Nameless Network di Brooklyn, i visitatori potranno accedervi a un prezzo di 35 dollari, che include una fetta di pizza.
“La pizza è più di un alimento”, ha detto in una dichiarazione Kareem Rahma, CEO di Nameless Network. “È un fenomeno culturale che trascende la geografia e il linguaggio. Con The Museum of Pizza, stiamo unendo la nostra passione per lo storytelling e la cultura pop alimentare, amicizia, arte, musica e selfie. Un sacco di selfie”.
Per ora l’apertura è programmata solo a New York (Thanks God!), ma Rahma non ha escluso la possibilità di “cucinare” la produzione di un MoPi anche altrove, dicendo che amerebbe condividere la sua passione per il formaggio con altre città in futuro.
 Mentre  altrove si sfrutta l’arte del pizzaiuolo napoletano in ogni modo, a Napoli attendiamo il Pizzavillage: tra le feste popolari più grandi d’Europa, Napoli Pizza Village è un progetto ambizioso che cresce anno dopo anno e aspira a rappresentare un efficace momento di promozione globale del territorio attraverso uno dei simboli per eccellenza dell’italianità in tutto il mondo: la pizza.L’VIII edizione dell’evento, avrà luogo ancora una volta presso il suggestivo Lungomare Caracciolo di Napoli dal 1 al 10 Giugno 2018.

Per 10 giorni, in un imponente villaggio di 30.000 mq, 50 rinomate pizzerie e centinaia di personaggi di spicco nel mondo della pizza incontreranno il pubblico di appassionati in una grande festa, animata da un fitto calendario grandi eventi live e concerti ad accesso completamente gratuito, mostre, conferenze e seminari, animazione, intrattenimento e laboratori didattici per adulti e per i più piccoli.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 2 Maggio 2018 e modificato l'ultima volta il 2 Maggio 2018

Articoli correlati

Agroalimentare | 3 Luglio 2020

ECCELLENZE DALL’IRPINIA

Il pecorino di Carmasciano è Presidio Slow Food, storia e tradizione della Valle d’Ansanto

Agroalimentare | 11 Giugno 2020

APN VS AVPN

E’ pizza war. Scontro tra associazioni sul forno elettrico: “Si rischia di perdere il riconoscimento Unesco”

Agroalimentare | 10 Giugno 2020

LA SVOLTA

La pizza napoletana col forno elettrico è certificata. Decisione storica dell’Associazione Verace Pizza Napoletana

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi