fbpx
sabato 24 ottobre 2020
Logo Identità Insorgenti

A PORTICI

Museo del Mare, ci siamo: finalmente firmato il protocollo

Ambiente, Attualità, Battaglie, Beni Culturali, Cultura | 22 Agosto 2015
Museo del Mare a Portici
Museo del Mare a Portici

Finalmente una luce in fondo al “tunnel” per ciò che concerne il “Museo del Mare” a Portici: la zona “ex macello” sembra aver trovato la sua giusta destinazione, grazie alla firma del Protocollo da parte del Sindaco Nicola Marrone, e il Presidente della Stazione Zoologica Anton Dohrn, Roberto Danovaro, e al Direttore Direttore generale del Dohrn, Vincenzo Saggiomo.

La città di Portici, tra le altre eccellenze culturali, potrà arricchirsi ulteriormente, diventando ‘Centro Ricerche – Osservatorio Golfo di Napoli’ e ‘Turtle Point’, un vero e proprio luogo di riferimento  per la conoscenza e la protezione del Golfo e la divulgazione della ricerca scientifica marina.

Si potranno salvaguardare le “tartarughe marine” ammalate o ferite, operando in perfetta simbiosi con le istituzioni preposte, grazie appunto all’implementazione del Turtle Point, e porre le basi per incrementare ancora di più la ricerca faunistica, in tal senso.

L’Osservatorio del Golfo di Napoli con i suoi   laboratori scientifici permetterà lo  svolgimento delle analisi di monitoraggio del Golfo e garantirà l’apertura al pubblico oltre che  la fruibilità del parco annesso.

Quest’ultima iniziativa consentirà ai cittadini di poter tirare un sospiro di sollievo, visto che per il passato non si conosceva quella che sarebbe stata la destinazione finale di un parco ben concepito, con fontane, panchine vicino al mare, opere di arte contemporanea, area giochi per bambini e perfino un cannone borbonico perfettamente conservato.

Si parlava di cederlo in affitto ad una struttura alberghiera di Giugliano; un’iniziativa che aveva destato non poche polemiche, ma a quanto pare, questi ultimi eventi sembrano davvero aver posto la parola “fine” ad una situazione di stallo di difficile definizione.

E’ così che Portici si avvia ad una vera e propria collaborazione fattiva con la Stazione Zoologica di Napoli, fondata nel nel 1872 dal naturalista e zoologo tedesco Anton Dohrn.

Si spera in una perfetta sinergia tra quelle “forze” sane, che pure esistono, anche se spesso non vengono menzionate, offuscate, spesso e volentieri da una lenta e farraginosa macchina burocratica.

Alberto Guarino

Un articolo di Alberto Guarino pubblicato il 22 Agosto 2015 e modificato l'ultima volta il 30 Aprile 2017

Articoli correlati

Ambiente | 10 Ottobre 2020

FRIDAYS FOR FUTURE

Gli attivisti napoletani scendono in piazza per il sesto sciopero globale per il clima

Ambiente | 9 Ottobre 2020

FONDALI MARINI

Il giardino subacqueo di Procida sembra un dipinto

Ambiente | 6 Ottobre 2020

VERDE PUBBLICO

Villa Comunale di Napoli, riapertura prevista entro il prossimo weekend

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi