lunedì 14 giugno 2021
Logo Identità Insorgenti

‘A Puisia della domenica: ‘A dignità, di Assunta Sperino

Senza categoria | 30 Maggio 2021

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità ad un autore e ad una sua poesia. Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Quella di oggi è l’ultima puntata su Identità Insorgenti. Da giugno a settembre saremo sulla nuova pagina fb di questo gruppo, SulSud, come sempre ogni domenica alle 12, in attesa di riprendere a settembre, sul nuovo portale, www.sulsud.it, la rubrica settimanale.

Buona lettura con una poesia di Assunta Sperino

Assunta Sperino

Assunta Sperino, nasce a Napoli il 22 novembre del ’76, inizia a scrivere da ragazzina senza mai smettere. Diplomata all’istituto magistrale, si iscrive alla facoltà di Sociologia. Solo nel 2018 decide di pubblicare i suoi testi con la C. Editrice Pagine, facendo parte di varie silloge. Fa parte della nova “Enciclopedia dei Poeti Italiani Contemporanei” dell’ Aletti Editore. Vince una targa al merito al Premio Alda Merini nel 2018 e nel 2019 al concorso internazionale Festa dei Popoli. Collabora con l’Associazione Poesie Metropolitane.

 

 

‘A DIGNITÀ 

Tonino ogge è cuntento 

‘nchiuvato fore â scola,

cu ‘sigaretta nmano 

sta ccà ‘a nu quarto d’ora.

 

Nun vene a pigliá ‘o figlio 

‘a quanno era c riattro,

‘a quanno cu ‘e pastelle

se nguacchiàv’ ‘o grembiule.

 

Ormai è qquase n’ommo,

ch’orgoglio pe papà!

‘A giacca, ‘e scarpe bbone…

Che figlio, guarda llà!

 

Guarda che purtamento 

pare ‘o figlio ‘e nu dottore

e no ‘e chist’ommo stanco,

spilorci e fravcatore,

 

cu ‘e scarpe cunzumate

p’ ‘o troppo cammenà

ca nun sape fa niente,

surtanto faticà.

 

‘O figlio acàla ‘a capa

comme a nu marijuolo,

corre vicino ô pate:

-Che nce faie for’ â scola?

 

Comme staje cumbinato,

che figura mme faje fa’?

Nun vide ca ce guardano,

facìmmoce cchiù a llà-.

 

Tonino cu nu sguardo

tra il riso e la pietà

e cu chella pacienza 

ca sulo ‘o bbene sape da:

 

-‘Uagliò, che te ne mporta,

abbràcceme, a papà!

Si ‘e scarpe se cunzumano 

è pe te da’ a campà

e si ‘a cammisa è sporca,

è sporca ‘e dignità.

 

      Assunta Sperino 

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 30 Maggio 2021 e modificato l'ultima volta il 30 Maggio 2021

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 23 Maggio 2021

‘A Puisia napoletana della domenica: Te cunuscevo già di Carmine Orofino

Poesie Metropolitane | 16 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica: “Ma che tt’aspiétte?” di Rosa Mancini

Poesie Metropolitane | 9 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica: Pasquale Foresta ” ‘A bbucia e ‘a verità”