lunedì 14 giugno 2021
Logo Identità Insorgenti

‘A Puisia della domenica: Pasquale Foresta ” ‘A bbucia e ‘a verità”

Poesie Metropolitane | 9 Maggio 2021

La rubrica dell’Associazione culturale  Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità ad un autore e una sua poesia in vernacolo. Associati e invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona poesia con Pasquale Foresta

Pasquale Foresta
 

Pasquale Foresta nasce e vive a Castellammare di Stabia (NA). Da sempre impegnato in attività di solidarietà, ama scrivere e recita in compagnie amatoriali. Dal 2020 fa parte del Direttivo di Poesie Metropolitane.
http://autori.poetipoesia.cominisiti-pasquale-foresta/poesie/

 


‘A BBUCIA E ‘A VERITÀ

Nu bellu juorno ‘o tiempo
vulenno spartere ‘a raggióna
mannaie a cchiammà
pe’ messaggero ‘o viénto
‘e ddoie rivale  ‘ncompètizzione
a bbucia e a vverità
quanno s’ appresentaiéne ô cuspiétto
cu ‘a calma soia ca nun se smove
parlanno a ttutt’ ‘e ddoie lle dìcette:
《Oggi v’aggia mettere alla prova,
voglio affidà a ttutte ‘e ddoje
na mmasciata ca ognuno ‘e vuie
ha dda raccuntà a mmodo suoio
chi ll’avarrà purtata cchiù luntano
chi ll’avarrà fatta canoscere ‘e cchiù
chella sarà creruta
e ppigliata  ‘ncunsiderazione
Chell’ata invece sarà discunusciuta 
e ccundannata a ssubbì ‘a puniziona
‘e vivere nascosta e odiata
e qquanno po’, se fosse smascherata
a essere esposta a scherno e dderisione.
‘A bbucia se mettette a ccorrere senza meta
faceva grande pruclame a squarciagola
giurava e spergiurava annanz’ e arreta,
e po’ mannava alla malora
chi nun lle reva retta.
Facette salte murtale ‘ncielo e ‘nterra
ma a ffinale creaie sulo appicciche
appiccianno sulamente guerra
tra frate, sore e amiche.
‘A verità invece
all’inizio era timorosa e insicura,
se metteva paura
‘e nun essere accettata
tant’e’ ca se vedeva costretta
a scegliere ‘e  vie tortuose e impervie,
‘e stradine strette pe ji’ annanza,
‘a bbucia ll’ostacolava
lle tendeva tranelle p’ ‘a fa cade’
ma essa nun se ne curava
e ccammenava sicura ‘e se
pe’ se fa capè buono
parlava lentamente, sottovoce,
e pure truvannese int’ ‘o frastuono
scandiva ‘e parole cu ‘o core ‘npace.
E ddoppo tantu cammino,
tanti pprove e tantu travaglio
‘a voce soie se sentette affermata
senza ombra ‘e dubbio
senza pussibbilità ‘e sbaglio.
D’ ‘a lotta cu ‘a menzogna ingannatrice
pure tra mille sacrifice stiente
‘a verità n’ ascette vincitrice.
E ‘a bbucia?
E chi ‘o ssa’?!
…nun se ne sapette cchiù nniente
nisciun cchiù sse ne arricurdaje
ienno verenno
se l’ ‘era purtata ‘o viento.

Pasquale Foresta

 

 

 

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 9 Maggio 2021 e modificato l'ultima volta il 9 Maggio 2021

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 30 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica: ‘A dignità, di Assunta Sperino

Poesie Metropolitane | 23 Maggio 2021

‘A Puisia napoletana della domenica: Te cunuscevo già di Carmine Orofino

Poesie Metropolitane | 16 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica: “Ma che tt’aspiétte?” di Rosa Mancini