sabato 24 luglio 2021
Logo Identità Insorgenti

‘A Puisia in napoletano della domenica: “L’attore” di Francesco Scaramuzzino

Senza categoria | 11 Aprile 2021

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità ad un autore e una sua poesia in napoletano. Entra nell’associazione e invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

 

Buona lettura con le poesie di Francesco Scaramuzzino

 

Francesco Scaramuzzino

Nato a Napoli il 23/02/1976. Iniziai a scrivere poesie perché nulla è più vero di ciò che si scrive col cuore. Una dedica speciale a mio padre, se i figli sono lo specchio dei genitori, grazie per essere stato il mio specchio.

 

 

L’attore (Francesco Scaramuzzino)

Me dicevano ‘e fa tiatro

ma nun tenevo ggenio

quacche ccosa me frenava

e io nun capevo ‘o pecchè.

Me so’ guardato dint’ ô specchio

e ll’aggio capito

nu dulore dint’ ê ricorde

’a primma vota ca aggio recitato.

Se ce steve nu cupione

‘o ‘ssape sulo Ddio

e nnun ll’aggio mai liggiuto

ce steva pocu tiémpo pe mm’ ‘o ‘mparà.

Era n’interpretazione a bbraccio

chello ‘e te dicere ca stive bbuono

aggio recitato senza applause.

M’hê lassato cu nu surriso

e na bbattuta ca saccio sulo io

sussurrata chianu chiano

cu ll’uedemo filo ‘e voce

pe fferni ‘o spettaculo .

E po’ quanno s’è chiuso ‘o sipario

me levaje ‘a maschera

quanta lacreme n’faccia a stu viso.

Francesco Scaramuzzino

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 11 Aprile 2021 e modificato l'ultima volta il 11 Aprile 2021

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 30 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica: ‘A dignità, di Assunta Sperino

Poesie Metropolitane | 23 Maggio 2021

‘A Puisia napoletana della domenica: Te cunuscevo già di Carmine Orofino

Poesie Metropolitane | 16 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica: “Ma che tt’aspiétte?” di Rosa Mancini