lunedì 20 settembre 2021
Logo Identità Insorgenti

‘A Puisia Metropolitana: Sabbato napulitano di Francesco Limite

Senza categoria | 14 Marzo 2021

La rubrica dell’Associazione culturale Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a un autore e a una sua poesia in vernacolo.
Entra nella rete poetica metropolitana ed invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con Sabbato napulitano di Francesco Limite

 

Francesco Limite

Francesco Limite, diversamente giovane, laureato  quasi inutilmente. Assistente di volo, direi per forza, per 30anni. Rimatore da moti secoli esclusivamente in vernacolo, il quale non vive questa condizione come una diminutio, e chest’è.

 

Sabbato napulitano

La guaglioncella vien da Marechiaro

cu na spasella ‘e cozze e fasolare:
stasera so’ spaghette a frutte ‘e mare,

doppe frittura âlice e calamare,

percoche a vuluntà, ‘nfose ‘int’ ô vino.

Tutte songhe ‘nvitate a chesta cena,

 nun nce vo’ ‘o ‘nvito,

po’ venì chi vo’,

chi porta ‘e ppaste,

chi nu liquorino,

e chi ‘un tenenno niente

 porta niente.

Nun se và ‘e pressa,

dimane ’un se fatica,

pure chi è stracquo,

 nun se và a cuccà.

’O cielo è chino ‘e stelle,

‘o quarto ‘e luna…..

sera napulitana è chesta ccà.

E allora, nc’assettame, nterra, dint’ ô vico

a sentere, d’ ‘a vecchia ‘e fattarielle,

‘e quanno, nnammurata ‘e Geretiello,

s’abbuffaveno ‘e vase ‘a pezzechille,

c’allora ato nun se puteva fa!

‘A festa è chesta,

quanno ‘unn hê ‘a penzà:

dimane ampressa nc’avimm’ aizà,

speramme ca ‘a fatica nce sarrà!

Pirciò gudìmmencella ‘sta jurnata,

rignìmmela ‘e speranza e d’allerezza,

facìmmela durà fino a dimane,

senza penzà ‘o dimane

ca nc’aspetta.

 

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 14 Marzo 2021 e modificato l'ultima volta il 14 Marzo 2021

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 30 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica: ‘A dignità, di Assunta Sperino

Poesie Metropolitane | 23 Maggio 2021

‘A Puisia napoletana della domenica: Te cunuscevo già di Carmine Orofino

Poesie Metropolitane | 16 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica: “Ma che tt’aspiétte?” di Rosa Mancini