fbpx
domenica 12 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

Acerra. Indetto corteo popolare contro la devastazione ambientale e il biocidio

News | 10 Aprile 2018

Giovedi 12 aprile, dalle ore 17 in piazza Duomo ad Acerra, il movimento #Stop Biocidio ha indetto una manifestazione per gridare ancora una volta il proprio dissenso contro la devastazione ambientale del comune campano e, con esso, dell’intero territorio regionale.

Il tema della “Terra dei Fuochi” è purtroppo una vera e propria “spina nel fianco” di questa regione. Ne sanno qualcosa ad Acerra, da sempre al centro di questo terribile fenomeno, il quale vede al completo sbando, come vittime sacrificali di un sistema corrotto ed aberrante, un’intera comunità.

Ed è proprio a questa schiera di inermi cittadini, e in fondo a tutti noi, che si rivolge il comitato #Stop Biocidio, da sempre uno dei principali protagonisti nella lotta contro questo crudele “assassinio” della nostra amata terra.

Ancora una volta, giovedi 12 aprile dalle ore 17 in Piazza Duomo ad Acerra, si invita la popolazione a dire “Basta Veleni“, come chiaramente espresso nel comunicato ufficiale: “Ancora una volta la comunità di Acerra torna in piazza per lottare contro il biocidio e la devastazione ambientale che da troppi anni tengono in ostaggio quel territorio. Un comune in cui si è condannati a vivere tra i Roghi tossici, i fumi dell’inceneritore e l’amianto dei criminali dell’imprenditoria. Un comune che però è anche da sempre simbolo di una resistenza degna e indomabile, che da quindici anni non si ferma e scrive perennemente una delle più importanti pagine di democrazia della nostra regione. Non possiamo che esserci. Non possiamo che essere da sempre vicini ad un territorio che ancora una volta dà a tutti noi un’occasione per non arrenderci, per continuare a sperare che possa esistere una regione non ostaggio di malapolitica, camorre e imprenditori collusi”.

Ci uniamo vivamente a questi concetti, confidando in un futuro libero da tutti questi endemici mali, perchè ormai è giunto il momento di dire a tutti i responsabili una sola, significativa parola: Jatevenne!

Un articolo di Antonio Barnabà pubblicato il 10 Aprile 2018 e modificato l'ultima volta il 10 Aprile 2018

Articoli correlati

Italia | 12 Marzo 2020

CORONAVIRUS

Libri, film, giga gratuiti: i regali delle aziende digitali per questi giorni di quarantena

Ambiente | 9 Febbraio 2020

TERRA DEI FUOCHI

Papa Francesco ad Acerra nell’anniversario della Laudato Si’

L'oro di Napoli | 16 Dicembre 2019

L’ORO DI NAPOLI

16 dicembre 1631: San Gennaro ferma la lava

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi