lunedì 18 marzo 2019
Logo Identità Insorgenti

AL VASTO

Un manifesto per il decoro urbano e per sensibilizzare al bene pubblico

Attualità | 11 Marzo 2019

Da una parte l’immagine della Napoli da cartolina, quella che tutti amiamo: solare, abbracciata dal mare, quasi surreale nella sua oggettiva bellezza; dall’altra parte la stessa immagine velata da una patina grigia, una città imbrattata, trasandata, un po’ come la vediamo tutti i giorni, umiliata costamente da un corposo manipolo di incivili che tiene in scacco l’intera città. A tutti, indistintamente, piacerebbe vivere in una città pulita e dignitosa, una città a misura d’uomo, dove passeggiare tranquillamente con i propri figli senza dover attraversare cumuli di spazzatura o senza dover essere costretti a saltare i bisogni lasciati a terra da padroni maleducati.

E’ con questo proposito che la Redazione de IlVaporetto.com e il Comitato Orgoglio Vasto hanno immaginato di concerto un’iniziativa capace di sensibilizzare i cittadini del Vasto sul tema della raccolta differenziata e del decoro delle nostre strade, talvolta attraversate da quei turisti che pian piano iniziano ad affacciarsi nel quartiere a ridosso della stazione Centrale. Il progetto condiviso dalla nostra Redazione e dal Comitato cittadino, e in fase di attuazione in questi giorni, è quello di invadere ogni condominio del Vasto con un manifesto che elenchi le regole più importanti per una corretta gestione dei rifiuti domestici, e che solleciti la cittadinanza a rispettare il bene comune (orario di conferimento dei rifiuti, numero telefonico del servizio di ritiro degli ingombranti, etc.).

Una iniziativa sperimentale – che speriamo possa essere presa d’esempio anche per gli altri quartieri della città – messa in piedi per tentare di sensibilizzare la collettività verso un problema reale, che condiziona in negativo le enormi potenzialità ricettive di un quartiere strategico per i flussi turistici della città (tra pochi mesi infatti il cantiere di piazza Garibaldi sarà terminato). Ben consapevoli tuttavia, che senza l’aiuto concreto delle istituzioni competenti, con le quali siamo constantemente in contatto, l’iniziativa perde gran parte del suo potere e della sua influenza sui residenti. Dal canto nostro, considerata la risposta positiva del quartiere nei confronti del progetto, se il manfesto dovesse convincere anche una sola famiglia su 5 noi potremmo ritenerci più che soddisfatti: vorrà dire che avremo sensibilizzato migliaia di napoletani a rispettare Napoli. A difendere la città!

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 11 Marzo 2019 e modificato l'ultima volta il 11 Marzo 2019

Articoli correlati

Attualità | 18 Marzo 2019

IDENTITÀ

L’adesivo Santo Diego: “Maradona proteggici” tra recupero della memoria e napoletanità

Attualità | 18 Marzo 2019

IL CASO

Il direttore di Paestum chiude il profilo facebook dopo la strage in Nuova Zelanda

Attualità | 17 Marzo 2019

IL DIVIETO

Cartelli a Capodimonte vietano l’ingresso alle guide nei giorni gratuiti. E’ rivolta contro Bellenger

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi