lunedì 14 giugno 2021
Logo Identità Insorgenti

ALLA SANITA’

Il murale sull’ascensore firmato dal filippino Jerico Cabrera Carandang

Arte | 18 Ottobre 2019

Un nuovo Murale per colorare ancora di più le strade di Napoli. E’ sull’ascensore del Ponte Maddalena Cerasuolo, firmato Jerico Cabrera Carandang.

I ragazzi della Sanità lo hanno chiamato “Tieneme ca te Tengo”.
L’idea e progetto è dei ragazzi e ragazze della Educativa Territoriale “La Tenda”, finanziato dall’Assessorato al Welfare del Comune di Napoli. Oggi, venerdì 18 alle 16.30, sarà ufficialmente inaugurato con un evento a cui è invitato anche il nuovo soprintendente alle Belle Arti Luigi La Rocca.

L’artista Jerico Cabrera Carandang

Jerico Cabrera Carandang, nato nelle Filippine, si trasferisce in Italia con la famiglia, all’età di 10 anni. Si avvicina al disegno in età infantile per poi cominciare la formazione presso il Liceo Artistico “Caravaggio” di Roma costruendo le basi della sua pittura e diplomandosi all’età di 21 anni.

Nello stesso periodo frequenta la scena underground della città specializzandosi inizialmente nel codice del graffitismo attraverso il quale sperimenta differenti stili e tecniche murali creando opere su superfici di grandi dimensioni. Terminati gli studi nel 2012 si dedica al suo percorso artistico perseguendo l’espressionismo e l’indagine sulla figura umana. Le sue scelte stilistiche sempre più violente e tragiche lo porteranno ad una rappresentazione drammatica dell’esistenza. La capacità pittorica di Jerico, costruita grazie anche all’esperienza, non è solo verso i canonici strumenti della tela, degli olii, degli acrilici e dei pennelli ma riesce a maneggiare rulli e pennelli da muratore lanciandosi in un Action Painting davvero avvolgente, come un felino, sembra gestire qualsiasi superficie bianca gli si presenti, riuscendo a coinvolgere e catturare l’attenzione di ogni passante.

Adesso ha lasciato traccia di se anche nel cuore di Napoli e difficilmente questo suo lavoro potrà subire danneggiamenti…

 

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 18 Ottobre 2019 e modificato l'ultima volta il 18 Ottobre 2019

Articoli correlati

Arte | 15 Maggio 2021

Biennale di Venezia, il napoletano Eugenio Viola curerà il Padiglione Italia

Arte | 28 Aprile 2021

Addio a Zemi, il writer che ha messo Napoli al centro della scena street artist italiana e europea

Arte | 28 Aprile 2021

A Palazzo Fondi la prima mostra interattiva su Frida Kahlo