fbpx
domenica 31 maggio 2020
Logo Identità Insorgenti

ALLA SANITA’

In un bene confiscato la prima biblioteca pubblica gestita dalle associazioni del territorio. E l’Onu studia il modello Sanità

Attualità, Beni Culturali, NapoliCapitale, Periferie, Turismo | 10 Dicembre 2016

biblioteca-sanita-adda-passa-a-nuttata

In un bene confiscato alla Camorra, a Salita Cinesi 1, nasce la prima biblioteca pubblica nel Rione Sanità gestita da Associazioni del territorio, un ex basso reso agibile e con sui muri i volti della Napoli migliore, da Totò a Pino Daniele a Troisi passando per i simboli anticamorra, come Peppino Impastato e don Peppe Diana.  Stamattina l’inaugurazione alla presenza del presidente della III Municipalità Ivo Poggiani: “Bravissimi i ragazzi di “Addà passà a’ nuttata” che grazie alla partnership di Fondazione San Gennaro, hanno realizzato in brevissimo tempo questa piccola chicca”, scrive lui sulla sua pagina fb.

«Col la cultura e la solidarietà– è la convinzione di Davide D’Errico, 25 anni, presidente dell’associazione Addà passà a nuttata e promotore dell’iniziativa – possiamo costruire una comunità più giusta». Oltre mille i libri raccolti in poche settimane anche grazie al contributo della biblioteca a porte aperte Annalisa Durante, mentre oggi hanno preso parte alla donazione le cooperative «La locomotiva onlus» e «Se po’ fa’», il Nuovo Teatro Sanità per promuovere la buona pratica del book-crossing.bi Su ogni libro, infatti, sarà riportata la dicitura: «Dopo aver letto questo libro fallo leggere ad altri o riconsegnalo in via Vicaria Vecchia 23 (biblioteca A. Durante) o in via Salita Cinesi 1. Dona anche tu dei libri e promuovi la lettura: la cultura salva le anime!».

Del resto dopo la straordinaria serata dell’8 dicembre, secondo il Sole 24 ore ’Onu (in particolare l’Unwto, l’osservatorio mondiale sul turismo dell’Onu) sta studiando il laboratorio Sanità di Napoli, come modello di sviluppo trasversale del territorio che fa leva su una ricetta di valorizzione delle risorse locali. Gli ingredienti chiave sono turismo, cultura e lotta alla criminalità attraverso il recupero di spazi di legalità e condivisione.

Lorenzo Pierleoni

 

Un articolo di Lorenzo Pierleoni pubblicato il 10 Dicembre 2016 e modificato l'ultima volta il 27 Febbraio 2017

Articoli correlati

Attualità | 29 Maggio 2020

EBREZZE ISTITUZIONALI

La guerra delle ordinanze sull’alcool tra De Luca e de Magistris

Attualità | 28 Maggio 2020

CADUTE DI STILE

Il prof Vecchioni e i pregiudizi mascherati sul Sud

Attualità | 28 Maggio 2020

RAZZISMI

Caro Sala, sulla Lombardia “terra d’accoglienza” non puoi dare lezioni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi