martedì 16 luglio 2019
Logo Identità Insorgenti

Anacapri: La battaglia del giovane diversamente abile, Christian Durso, continua e la Sovrintendenza si fa avanti

News | 16 Marzo 2018

Christian Durso, il giovane diversamente abile che si era rivolto anche a noi per far conoscere la sua battaglia al fine di rendere accessibile il Belvedere della Migliera, ad Anacapri, ci racconta i nuovi sviluppi sulla vicenda che fanno ben comprendere come mai quei quattro scalini a dieci metri dalla ringhiera siano ancora lì a negargli la visuale della costa a strapiombo sul mare e il suggestivo Faro dell’Isola di Capri.

Quali sono le ultime novità?

Christian riprende il discorso dal punto in cui ci eravamo lasciati e dichiara:<<L’amministrazione non mi ha mai dato risposte e quelle che ha dato ai giornalisti, oggi, mi rendo conto che non erano chiare. Sembra rafforzarsi ciò che ho scritto nella lettera aperta al Presidente della Repubblica, ossia il fatto che forse si tratta di una ‘ripicca’, nell’intento di spezzare la mia voglia di vita, probabilmente per essermi sempre battuto con esposti e denunce. Un cittadino scomodo, che non ha mai taciuto, che non si è mai risparmiato per rendere il territorio dove vive adatto ad ospitare chi è costretto a spostarsi su una sedia a rotelle>>.

A quando risale la tua richiesta?

<<La mia richiesta di Civiltà di rendere il Belvedere accessibile risale, ormai, al 20/09/2016, quando decisi di avanzarla, per la prima volta, per iscritto, all’attenzione del Sindaco di Anacapri, Francesco Cerrotta. Da allora, sono accaduti numerosi avvenimenti, dall’intervento di Rai 1 agli inizi di dicembre 2016, nel cui servizio lo stesso conduttore Tiberio Timperi fece un appello per chiedere la realizzazione, quantomeno, di una pedana in legno come regalo di Natale. Appello inascoltato. Addirittura, è stata ripristinata la barriera architettonica ad opera del comune di Anacapri, dopo che un cittadino ad aprile 2017 rese il luogo accessibile, fino ad arrivare alla mia lettera al Presidente Mattarella, nel novembre 2017>>.

Cosa rispose il Sindaco di Anacapri?

<<Il Sindaco di Anacapri ha dichiarato sul Il Mattino che serviva il parere della Sovrintendenza e che nella zona antistante ai 4 scalini si godeva comunque dello stesso panorama, ma io dagli scalini vedo solo l’orizzonte. Inoltre, sei mi fossi recato sul luogo in compagnia di un accompagnatore, avrei potuto raggiungere la ringhiera>>.

Ad oggi, sono stati presi provvedimenti?

<<No, non è stato preso alcun provvedimento, neppure quando il Quirinale e la Prefettura di Napoli in data 12/12/2017 ha scritto:“si prega di voler esperire ogni consentita azione di sostegno”, nei miei confronti>>.

Qual è stata la tua ultima scoperta?

<<Il 23/02/2018 con una PEC indirizzata all’amministrazione di Anacapri ho fatto richiesta di accesso agli atti e il 06/03/2018 alla Soprintendenza di Napoli, per avere copia del progetto che l’amministrazione di Anacapri avrebbe dovuto presentare per adempiere al dovere di rendere il Belvedere accessibile e al fine di capire quando fosse stata avanzata la suddetta richiesta, se nel lontano 20/09/2016, oppure se fosse stata ignorata, nonostante l’indignazione di buona parte dell’Italia. Ebbene, l’amministrazione di Anacapri non mi ha ancora risposto, la Sovrintendenza di Napoli sì, facendomi scoprire che la mia richiesta è stata ignorata praticamente da sempre. La Sovrintendenza, infatti, ho appreso che ha chiesto all’amministrazione di Anacapri di:” voler informare la Scrivente su eventuale e auspicabile progetto per l’abbattimento delle barriera architettoniche, per poter consentire ai diversamente abili di accedere al Belvedere della Migliera”>>.

Le tue perplessità?

<<Perché la Sovrintendenza non aveva mai ricevuto tale richiesta dall’amministrazione di Anacapri? Ora, è la stessa Sovrintendenza, prendendo a cuore la mia storia, dopo che io l’ho portata a conoscenza della vicenda, a chiedere che gli venga presentato il progetto. Tutto ciò è normale? Se l’amministrazione dal 20/09/2016 non ha mai chiesto il parere alla Sovrintendenza, come si sarebbe potuto procedere? Chissà se la burocrazia, il rimbalzo di competenze, non sono usate, a volte, come scuse…
Speriamo che ora questo progetto sia presentato!>>.

Un articolo di Il Vaporetto pubblicato il 16 Marzo 2018 e modificato l'ultima volta il 16 Marzo 2018

Articoli correlati

Attualità | 10 Luglio 2019

ILVA TARANTO

Nulla di fatto al vertice Mise, intanto la Procura spegne l’altoforno 2

News | 17 Maggio 2019

Parco della Marinella, entro l’anno i lavori di riqualificazione

News | 16 Maggio 2019

VIDEO | Accorinti, già sindaco di Messina: “Salvini? Un nazi-fascista”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi