sabato 17 aprile 2021
Logo Identità Insorgenti

Aniello ca nun se pava nun se stima

Un proverbio a settimana | 29 Marzo 2021

Questa sarà la seconda Pasqua, dall’inizio della pandemia, che passeremo in lockdown. Non potremo trascorrerla con i nostri nonni, non potremo andare fuori porta per la tradizionale gita di Pasquetta e le mega tavolate, a cui noi napoletani siamo abituati, almeno per quest’anno saranno solo un ricordo. Il Covid-19 ci ha tolto tantissimo ma sicuramente ciò di cui sentiamo più la mancanza è la libertà. Un valore prezioso, che troppo spesso diamo per scontato, come se fosse qualcosa di ovvio, senza mai pensare al fatto che tante persone nel mondo non sanno neanche cosa sia in realtà. E le restrizioni per affrontare questa pandemia, che ci hanno privati di tante cose, dovrebbero farci riflettere sul valore di cose che diamo per scontate, come la libertà, appunto, la salute o la vicinanza dei nostri cari ma che, in realtà, sono dei veri e propri tesori. “Aniello ca nun se pava nun se stima”, avrebbero detto i nostri nonni,che di momenti duri ne hanno vissuti e forse proprio per questo e più di noi sapevano apprezzare anche le più piccole gioie della vita.

Un articolo di Drusiana Vetrano pubblicato il 29 Marzo 2021 e modificato l'ultima volta il 29 Marzo 2021

Articoli correlati

Un proverbio a settimana | 12 Aprile 2021

“Senza denare nun se cantano messe” e la protesta delle mutande

Un proverbio a settimana | 5 Aprile 2021

Vruòccole, gnuòccole e predecature, fatta Pasca nun serveno cchiù

Un proverbio a settimana | 22 Marzo 2021

Carosone insegna: se ‘o mellone è uscito bianco mo’ cu chi t’ ‘a vuo’ pigliá?