fbpx
domenica 20 settembre 2020
Logo Identità Insorgenti

ANNIVERSARI

Elena de Curtis: “Nonno Totò e l’eternità della Livella ai tempi del Covid”

Identità | 15 Aprile 2020

Con Elena de Curtis siamo ormai allo “spaccio” reciproco di versi. Lei mi invia su whatsup una piccola reinterpretazione della Livella a cura di Lino Banfi, dedicata all’emergenza. Io, al solito, le segnalo via messenger  le novità su Totò da Napoli, come la reinvenzione della Livella riadattata al coronavirus di un giovane talento di Ottaviano, che si è fatto già notare con un bel monologo sulla camorra a Italia’s got talent e che seguo da un po’, lavorando alle collaborazioni future che verranno dopo il Covid: Daniele Ciniglio. Come al solito se ne entusiasma, perché a Elena piace sempre quando le giovani generazioni raccolgono il testimone: l’ho scoperto la scorsa estate quando l’ho portata a conoscere ai Quartieri Spagnoli i ragazzi che hanno dato vita a “Vico Totò”.

“E’ la prova – mi dice al telefono, lei da Roma ad accudire l’anziana mamma Liliana – che il messaggio di nonno attraversa il tempo e resta intatto. Mi piace moltissimo questa Livella…”. E proprio oggi che cade il 53eseimo anniversario della scomparsa di suo nonno, il grande e indimenticato Totò, questa eternità del suo pensiero appare ancora più viva.

La livella di Lino Banfi e quella di Daniele Ciniglio

Il coronavirus come ‘A livella: Lino Banfi intervenuto a Un Giorno da Pecora, trasmissione radiofonica in onda su Rai Radio1, nei giorni scorsi ha spiegato di aver scritto alcuni versi su questo delicato momento del Paese. “Li ho scritti pensando alla Livella di Totò, e la poesia si intitola “Aveva ragione Totò”.

“Puoi esser bello, alto, giovane e miliardario, puoi esser senza tetto, abbandonato e solitario, questo perfido mostro distruttore di polmoni non guarda in faccia all’età di quasi tre generazioni. Poi è diverso da ogni altro virus assassino, ti fa morire da solo senza nessuno vicino. Ma nella sua cattiveria qualcosa ci avrà insegnato: a non dare sempre tutto, o quasi tutto, per scontato”.

Daniele Ciniglio, invece, la Livella l’ha proprio riscritta ambientandola in un supermercato ai tempi del covid.

La mostra degli Under20 ispirati a Totò che doveva tenersi al Mann

Al di là delle emergenze che hanno ispirato Ciniglio e Banfi, i programmi per oggi sarebbero stati altri. Proprio oggi avrebbe dovuto inaugurare al Mann una mostra dedicata alle poesie di Totò tradotte in lingua inglese e trasformate in illustrazioni dai ragazzi under 20. Un’iniziativa della quale Elena, che le poesie le ha ripubblicate di recente con Colonnese Editore, includendone di inedite, mi aveva parlato mesi fa e alla quale teneva moltissimo.

“Per l’emergenza coronavirus tutto è rimandato in data da destinarsi ma è una storia che bisogna raccontare perché accresce il senso di appartenenza alla comunità, perchè vede la collaborazione tra il mondo della scuola, l’impresa e un grande museo quale il MANN. E perché conferma l’attualità del pensiero di nonno, che i giovani apprezzano tantissimo ancora oggi”.

Le ragazze e i ragazzi del Liceo Scientifico Linguistico “Cuoco Campanella” di Napoli hanno avviato con Elena de Curtis il progetto “Totò il Principe Poeta” lo scorso autunno, insieme all’editrice Francesca Mazzei. In questi mesi i ragazzi hanno portato avanti uno studio approfondito del pensiero di Antonio de Curtis soprattutto sul rapporto con Napoli e sull’amore.

Il contenuto-poesia è stato trasformato in illustrazioni realizzate con tecnica a carboncino su tavola digitale, dalla disegnatrice Micaela Distinto anche lei under 20.

Nel progetto sono stati coinvolti Paolo Giulierini, Direttore del MANN e Lucia Emilio, responsabile dei Servizi educativi, la dirigente Adele Barile, le professoresse Maria Mele e Lia Mastroberti e Daniela Chiariello, CEO di Activart che ha ideato e curato il progetto “Gli Under 20 raccontano Totò”.

Un progetto che, come quello del Museo dedicato a Totò, di cui si stava già discutendo col ministro Dario Franceschini, sarà sicuramente riproposto più avanti ma che rappresenta sempre e comunque l’attualità del pensiero del nostro amatissimo principe…

Lucilla Parlato

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 15 Aprile 2020 e modificato l'ultima volta il 15 Aprile 2020

Articoli correlati

Identità | 19 Settembre 2020

AL DUOMO DI NAPOLI

Ore 10.02, si ripete il prodigio di San Gennaro in una cattedrale semideserta

Identità | 16 Settembre 2020

FESTA ANNULLATA

Dopo 94 anni San Gennaro a New York dura un giorno solo

Identità | 10 Settembre 2020

19 SETTEMBRE

San Gennaro, festa ridotta: vietato baciare le reliquie e solo 200 posti in Cattedrale

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi