lunedì 16 dicembre 2019
Logo Identità Insorgenti

Antonella Cilento presenta il suo libro: “Nel 1600 Napoli città sporca, corrotta e puzzolente”

News | 18 Maggio 2014

download“Napoli nel 1600 è la più grande città d’Europa: è già la metropoli di oggi. È già corrotta, sporca, puzzolente e piena di persone che cercano di imbrogliare”. Il commento è di Antonella Cilento, che così presenta il suo nuovo libro durante la puntata odierna del tg1. La Cilento, scrittrice nata a Napoli, accomuna in una frase sola tutti gli stereotipi che da tempo affliggono i napoletani, e lo fa con il sorriso tra le labbra, promuovendo così il suo nuovo libro.

È chiaro che in un paese che si definisce “libero”, ognuno può esprimere la propria opinione, soprattutto attraverso un libro. Ma fa specie che frasi come queste vengano dette così apertamente, senza preamboli o prefazioni necessarie. Anche perché quello che passa in onda da tempo è sempre una realtà distorta di Napoli: imprecisa, tagliente e infangante. Non a tutti è chiaro, infatti, che la realtà è ben distante da quanto si dice.

Nel 1600 Napoli era il centro del mediterraneo, con uno sviluppo economico, culturale e demografico da primato assoluto. Nel 1600 Napoli ha subito una forte eruzione del Vesuvio, seguita dalla peste che decimava l’intera Europa; ne consegue chiaramente una carenza igienica, cosa verificatasi per dovere di cronaca in tutte le principali città europee, e non solo a Napoli. Ma il 1600 ha lasciato ben altra memoria di ciò che è stato a Napoli, ed è quasi impossibile citare tutti gli avvenimenti: tra la costruzione di chiese tra le più importanti di quel secolo, all’inesauribile attività di Cosimo Fanzago, i certosini, il primo soggiorno a Napoli di Caravaggio, datato 1606, il barocco napoletano ed una rigogliosa attività della scuola musicale napoletana. La lista è lunga, e quanto ci ha lasciato in eredità il 1600 è impossibile racchiudere in un solo articolo. Resta impressa però la coscienza di un popolo sovrano: nell’arte come nell’economia. Una coscienza che sarà sempre più forte della disinformazione che da tempo affligge il nostro paese.

 

Un articolo di Gianluca Corradini pubblicato il 18 Maggio 2014 e modificato l'ultima volta il 18 Maggio 2014

Articoli correlati

L'oro di Napoli | 16 Dicembre 2019

L’ORO DI NAPOLI

16 dicembre 1631: San Gennaro ferma la lava

L'oro di Napoli | 14 Dicembre 2019

L’ORO DI NAPOLI

Le radici greche della città partenopea

Attualità | 6 Dicembre 2019

LA POLEMICA

Il disastro del nuovo piano traffico a Napoli: guide turistiche sul piede di guerra

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi