fbpx
giovedì 4 giugno 2020
Logo Identità Insorgenti

Antonio Emma e la riscoperta della semplicità ne i “Libri maltrattati”

Cultura, Libri | 16 Ottobre 2016

DICONODIME20151

Libri maltrattati

Antonio Emma

Edito da Erre Edizioni

10 Euro

 

 

Metà novembre, il camino è acceso, le castagne scoppiettano facendo da colonna sonora a questo racconto, che noi amici ascoltiamo rapiti, mentre qualcuno si commuove in silenzio e qualcun’altro sorride, di fronte a tanta semplicità così piena di bellezza.

L’atmosfera sembra proprio questa, mentre leggo la vita di Tonino, mentre mi muovo tra le righe investita dai suoi ricordi intimi, incorniciati dalla Storia, quella dei manuali di quinta liceo.

 

 

libri-maltrattati

 

Ricordi d’infanzia, teneri aneddoti dei primissimi amori, la fierezza dolce di sua madre, il pragmatismo paterno, l’attaccamento ai fratelli, si mischiano con la scoperta dell’amore per le parole, lo sviluppo di una personalità incline alla lotta contro le ingiustizie e “l’insostenibile leggerezza dell’essere” dinanzi alle malattie e all’irruenza della Natura.

Lo scrittore narra di un’infanzia di altri tempi, quella che ha il sapore di pane e pomodoro, di sbucciature alle ginocchia, di cantastorie travestiti da barbiere, di domande sulla Chiesa e su Gesù , domande così semplici ma dalle risposte introvabili.

La morte con la quale viene a contatto, crescendo, porta il protagonista a cercare conforto nei libri, a rifugiarsi in essi ovunque si trovi , “a maltrattarli” continuando a scavarci dentro, pur di rannicchiarsi e sentirsi al sicuro tra tutte quelle pagine, mai tanto estranee, quanto il mondo fuori.

Anche Tonino come tanti altri giovani, dopo aver mal sopportato gli anni della leva obbligatoria, alla fine degli anni Sessanta si ritrova a sperare in un mondo migliore.

Comunista e fiero di quell’ideologia, che lo lega a migliaia di persone solo in nome di comuni ideali,che li fa sentire fratelli in una realtà così amara, che vede anarchici come Pinelli, volare dalle finestre di una questura, che anziché fare le giuste domande, chiude la bocca su scomode “risposte”.

Ma le lotte di cui si fregia Tonino non sono solo quelle sociali, Tonino combatte per amore, per avere l’unica donna al suo fianco che sente sua, dal momento in cui ha incrociato quel sorriso indecifrabile da “Gioconda”: Annamaria.

Un amore forte al punto da sopravvivere al male della lontananza, a quello del tempo e anche a quello della “bestia nera” della depressione.

Antonio Emma racconta una storia, la sua Storia, ma per andare fino in fondo deve servirsi del “distacco”, dell’artificio del “narratore esterno”, che fa “incursioni” “sentimentalmente strategiche”, per mettere un freno e un muro a sovrastare la propria sensibilità, troppo forte persino per raccontarsi, troppo grande persino per i propri ricordi.

Antonio Emma ci racconta una “storia semplice”, una storia forte, senza sensazionalismi, tanto “toccante” proprio perchè vera.

In un’epoca dove i romanzi hanno quasi l’obbligo di dovere ricercare “originalità” a tutti i costi, di doversi distinguere dalla massa e diventare “di nicchia” per le leggi di mercato e la moda da “radical chic”, si può affermare invece che questo romanzo sia una piccola perla di “verità”, un piccolo cammeo di “quotidianità”, che illumina e rincuora chi ne ha abbastanza dell’eccezionalità vuota e omologata, dei nostri tempi.

Tutti i proventi sono destinati ai progetti dell’Associazione (R)esistenza e all’Officina delle culture “Gelsomina Verde”.

Viviana Trifari

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 16 Ottobre 2016 e modificato l'ultima volta il 16 Ottobre 2016

Articoli correlati

Cultura | 8 Maggio 2020

SPETTACOLO

On line i link per accedere ai fondi di emergenza per le arti performative

Cultura | 1 Maggio 2020

REPORTAGE

Nel mare di carta di Port’Alba, tra i librai che “navigano” controcorrente

Cultura | 26 Aprile 2020

L’INIZIATIVA

Artisti per Forcella: opere e foto in vendita per aiutare le famiglie in difficoltà

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi