fbpx
domenica 29 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

ARGENTINA VS BOSNIA

2-1 per l’Albiceleste: Messi triangola col Pipita e regala la vittoria ai nostri

Mondo, Sport | 16 Giugno 2014

messi-higua

 

Parte col piede giusto, il sinistro da fuoriclasse di Leo Messi, la scalata al mondiale brasiliano da parte dell’ Albiceleste che ieri notte ha sconfitto la Bosnia -nella prima sfida del gruppo F- per 2 gol a 1.

Come pronosticato alla vigilia, Sabella schiera inizialmente il 3-5-2, ma il gol del vantaggio al 3′ è più frutto della fortuna che del modulo: Messi batte una punizione da sinistra, Rojo colpisce di testa facendo carambolare la palla sull’incolpevole Kolasinac, che, suo malgrado, batte il proprio portiere. Per l’argentina sembra prospettarsi un match in discesa, ma, nei fatti, non sarà esattamente così.La Bosnia accusa il colpo ma non molla e prova ad impensierire la difesa avversaria coi suoi uomini di punta: del laziale Lulic l’occasione più netta per pareggiare, sventata però da Romero che devia il colpo di testa in angolo.

 

Un primo tempo incolore porta il tecnico dell’Albiceleste a ritoccare necessariamente l’assetto tattico e gli uomini in campo per la seconda frazione di gioco; l’Argentina, del resto, è qui per vincerlo il mondiale: fuori quindi Campagnaro e Maxi Rodriguez per Gago e soprattutto per lui, il Pipita, il nostro Higuain.

 

Si passa al 4-2-3-1, ma è proprio l’ingresso di Higuain in campo che sembra dare nuova verve all’attacco argentino, così come è dai suoi piedi che passa la triangolazione chiusa dal gol gioiello di Messi al 65′, gol che interrompe un digiuno mondiale risalente addirittura a quello tedesco del 2006 e che porta i nostri in vantaggio di 2 reti a zero.

 

Ecco cosa vuol dire avere in campo dei campioni dalla classe cristallina come Messi e Higuain: vuol dire avere a propria disposizione gente che magari non brilla per lunghi tratti del match ma che poi, all’improvviso, ti regala perle di rara bellezza, facendo con semplicità disarmante cose che per i giocatori normali sarebbe addirittura difficile pensare.

 

Gol provvidenziale quello della Pulce, visto che la Bosnia non sembra volersi proprio arrendere e infatti va in gol a pochi minuti dalla fine: il napoletano Fefè Fernandez commette l’unico errore della sua ottima prestazione perdendosi Ibisevic sul filtrante di Lulic, che calcia di sinistro trafiggendo un più che colpevole Romero per un 2-1 tutto sommato meritato. Ibisevic, tra l’altro, segnerà il primo gol della storia della Bosnia ad un mondiale di calcio.

 

Finisce così 2-1 per l’ Argentina- in un Maracanà stracolmo di tifosi dell’Albiceleste in festa – il primo match del girone F, cui oggi, alle 21 italiane, seguirà Iran-Nigeria. La nostra nazionale tornerà in campo invece sabato 21 alle ore 18 contro l’Iran, nello stadio di Belo Horizonte.

 

Nel frattempo continuate a inviarci le foto della vostra bandiera argentina sulla pagina Fb o su [email protected] e continuate, ovviamente, a sventolarla.

Doverosa una nota a margine: ieri sera, nel pre-partita dagli studi Sky si è levata forte una voce del possibile passaggio del Pipita Higuain dal Napoli al Barcellona di Messi, voce prontamente smentita dalla dirigenza azzurra ma che ha comunque “rovinato” un po’ la serata a molti di noi. Come al solito l’argomento è stato al centro della discussione in studio per un bel po’ e come al solito è sempre Napoli, con i suoi campioni, ad essere obiettivo del marcato altrui, mai che siano i campioni di altri club italiani ad essere richiesti o a far intravedere fratture non sanabili con le proprie squadre o desiderio di cambiare aria, mai, o quasi. Coincidenze? Bah, staremo a vedere, sperando che sia la solita invidia a dar fiato a certe bocche.

Per ora siamo tutti con te, Pipita.

DALE, ARGENTINA!

Floriana Tortora

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 16 Giugno 2014 e modificato l'ultima volta il 26 Settembre 2014

Articoli correlati

Mondo | 20 Novembre 2020

VACCINO

Pfizer, la Big Pharma più multata della storia tra condanne e class action

Mondo | 9 Novembre 2020

ELEZIONI USA

La scelta del “meno peggio” e lo Zio Sam dietro la maschera Dem

Altri Sud | 5 Agosto 2020

LIBANO

Esplosione a Beirut, oltre 135 morti e circa 5000 feriti tra i civili

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi