sabato 15 dicembre 2018
Logo Identità Insorgenti

ASPETTANDO SAN GENNARO

Il 19 settembre all’Ospedale Militare concerto dei Nu Guinea e mercatino artigianale nel giorno di festa

Identità, Musica | 30 Agosto 2018

L’idea è magnifica, come il titolo, che coinvolge giovani e cittadini che in genere rimuovono il giorno di festa made in Naples: san Gennaro, il 19 settembre. Una serie di realtà artistiche di Napoli ha deciso di fare fronte comune:  Arciuta, 400ml, Soul Express, Perditempo presentano all’Ex Ospedale Militare “Mazzo-Extra Fest – Aspettando San Gennaro”. L’appuntamento – che parte alle 12 30 e prevede stand di artigiani che molto si sono dedicati in questi anni a San Gennaro, come Terry Di Renzo, ma non solo, culminerà nell’unico concerto a Napoli dei napoletani Nu Guinea.

Massimo Di Lena e Lucio Aquilina – alias Nu Guinea – non sono due sconosciuti: il loro EP d’esordio risale al 2014 ed è il risultato di una ricerca finalizzata alla fusione di suoni diversi, dalla disco meno tradizionale e più “clandestina” (quella delle origini, dei basementnewyorkesi, più vicina al funk) alla musica etnica, quella che per comodità si è soliti chiamare world music.

Il trasferimento a Berlino avviene quasi quattro anni fa, dettato più dal desiderio di risiedere in una città vivibile che facilita le relazioni interpersonali e la quotidianità spicciola che da quello di essere influenzati dalla sua vivace scena musicale.

Dopo l’EP WorldThe Tony Allen Experiments mette in scena l’incontro tra l’elettronica e le registrazioni originali della batteria di Tony Allen, il creatore, con Fela Kuti, dell’afrobeat.

E arriviamo al presente quando, per la loro etichetta NG, esce Nuova Napoli, titolo scelto in omaggio al film del 1982 No, grazie, il caffè mi rende nervoso, interpretato da Massimo Troisi e Lello Arena: ci troviamo di fronte a un viaggio quasi filologico all’interno di quel Napoli soundche uscì dalla città partenopea a metà degli anni settanta, fatto di blues, jazz-rock, influenze africane e tradizione rivisitata, e che ebbe tra i suoi alfieri Napoli Centrale, Pino Daniele, Tony Esposito, James Senese e Tullio De Piscopo.

Per la prima volta i Nu Guinea si aprono alla collaborazione con altri musicisti, giovani esponenti della nuova scena musicale napoletana, e l’esito è affascinante: ci troviamo immersi in quel suono che ha caratterizzato la nostra adolescenza (o almeno la mia) ma reso più attuale dalle esperienze elettroniche di Di Lena e Aquilina. Strumenti tradizionali, sintetizzatori, batteria elettronica e la bella voce di Fabiana Martone che canta in dialetto riescono a creare un ponte tra il passato e il presente, dando vita in ultima analisi a una contaminazione di qualcosa che in origine era già frutto di una contaminazione.

Tra i sette brani che compongono la raccolta, svetta l’uno-due di “Je vulesse”, il cui testo è un estratto della poesia “Je vulesse truvà pace” di Eduardo De Filippo, e “Ddoje facce”, canzone perfetta per una passeggiata nei vicoli del Rione Sanità. Del resto è proprio quello che i Nu Guinea raccomandano sulla loro pagina Bandcamp: ascoltare il loro disco perdendosi tra i vicoli di Napoli, tra panni stesi e Apecar di venditori ambulanti.

Due Artisti scelti anche da Liberato per aprire il suo concerto del 9 maggio sul lungomare di Napoli, che saranno di nuovo nella loro città proprio per “aspettare San Gennaro” e unire l’attualità con l’identità, la creatività con la musica.

Un appuntamento imperdibile che costa appena 6 euro a persona.

I biglietti sono disponibili a questo link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-mazzo-extra-fest-nu-guinea-live-band-48947149241?aff=efbeventtix

Identità Insorgenti

Identità Insorgenti è un giornale on line che rappresenta un collettivo di scrittori, giornalisti, professionisti, artisti uniti dalla volontà di una contronarrazione del Mezzogiorno.

Articoli correlati

Cultura | 14 Dicembre 2018

CALENDARIO DELL’AVVENTO

14 dicembre – L’oste, un diavolo sotto mentite spoglie

Cultura | 13 Dicembre 2018

CALENDARIO DELL’AVVENTO

13 dicembre – Il pastore della meraviglia che vede la luce (e che in alcune zone del Sud era legato ai riti di Santa Lucia)

Cultura | 13 Dicembre 2018

PRIMATI PARTENOPEI

Il cornetto gelato, inventato a Napoli dal gelataio Spica che lo brevettò

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi