domenica 18 agosto 2019
Logo Identità Insorgenti

Atalanta-Napoli. Un giallo intitolato: “Gli undici piccoli napoletani”

News | 22 Gennaio 2018

Ore 12:30; la città dove si commette il “reato” è Bergamo, città ostile all’azzurro del Napoli, tanto è vero che gli Atalantini si “lamentano” per il colore della maglia indossato da Insigne e compagni. Confonde! Questa è stato il verbo utilizzato prima dell’inizio di gara da Gomez e soci.

Finisce il primo tempo, e tra le due squadre vince soltanto l’attenzione tattica, il 53,1% della gara si svolge a centrocampo, l’equilibrio regna. Nel secondo tempo si apre il concerto della “melodia napoletana” , il passaggio di Callejon per Mertens è uno spartito composto di note dolci che contrastano quelle stonate venute fuori dai cori razzisti su Koulibaly e napoletani. Al fischio finale la partita è vinta dal Napoli che resta imbattuto fuori le mura del San Paolo. Nessuno in serie A può vantare questo primato.

Atalanta-Napoli non è una partita qualunque, essa è stata una storia fatta non solo di calcio giocato, altri fattori, quelli umani, sono venuti fuori come il “litigio” avvenuto tra Sarri e Insigne. Il magnifico si arrabbia al momento del cambio, e il mister non le manda certo a dire. A fine gara il toscano dichiara: “Io ed Insigne litighiamo 2-3 volte a settimana, ma finisce lì”. E’ così che vanno avanti i grandi amori.

La moviola dice che il gol del belga non è regolare, quello dello slovacco Hamsik sì. Vince la legge della compensazione.

Il Napoli resta primo, a più 4 punti (aspettando il posticipo di questa sera) dalla Juventus, e domenica arriva il Bologna, quello di Verdi, che ieri ha regalato 2 assist ai suoi compagni.

L’autenticità di come si vince in questo sport non è risolta da pensieri e parole, ma dal calcio ad un pallone. Fin quando gli autori del gioco saranno i più bravi, la trama dei “gialli giornalistici” (fatta di calciomercato e var sì, var no) avrà un solo finale: i colpevoli sono “Gli undici piccoli napoletani” (titolo originale del giallo di Agatha Christie: I dieci piccoli indiani), costruttori di una rete di manovre capace di sbaragliare gli avversari.

Un articolo di Il Vaporetto pubblicato il 22 Gennaio 2018 e modificato l'ultima volta il 22 Gennaio 2018

Articoli correlati

Cultura | 29 Luglio 2019

ARGENTO DI NAPOLI

La Neapolis greca batteva conio quando a Roma si usavano pezzi di rame

NapoliCapitale | 17 Luglio 2019

PATTO PER NAPOLI

22 interventi per il Centro Storico. Si va dagli Incurabili a Palazzo Penne

NapoliCapitale | 15 Luglio 2019

L’EREDITA’ DELL’UNIVERSIADE

Napoli vince la sfida: ora si preservino i 70 impianti ristrutturati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi