lunedì 16 settembre 2019
Logo Identità Insorgenti

AVELLINO SUMMER FEST

“Scusate l’assenza”, da un’idea di Simioli: Clementino “rappa” De Crescenzo, la De Sio ricorda Troisi

Eventi | 23 Agosto 2019

Un evento di due giorni legato alla memoria e all’identità. Nasce dal cuore di Gianni Simioli, che lo ha scritto e lo dirigerà il 27 e 28 agosto alle 20 e 30, sul palco di viale Italia, nel cuore di Avellino, nell’ambito dell’Avellino Summer Festival.

Il titolo, già suggestivo, è SCUSATE L’ASSENZA e sarà un tributo a Luciano De Crescenzo e Massimo Troisi, con la produzione di Jesce Sole.

Due giorni per valorizzare e ricordare la nostra identità e per non perdere la memoria dei nostri grandi. Si inizia dunque il 27 agosto  alle 20 30 quando sarà proiettato uno dei film cult di De Crescenzo, Così Parlo Bellavista. Ma non sarà una proiezione semplice. Ci saranno, infatti, la famiglia di De Crescenzo insieme con alcuni attori storici presenti nel film, per riproporre una pellicola mitica che racconta molto bene la filosofia del professor Bellavista/De Crescenzo e che fa parte della storia di qualsiasi napoletano.

La partecipazione straordinaria sarà quella del rapper Clementino. Simioli, con la consueta capacità intuitiva verso i talenti, gli darà il palco perché Clementino oltre che rapper è anche un attore, per ora mancato, ma bravissimo. Clementino leggerà e interpreterà a modo suo, alcune delle pagine più “rap” di Luciano De Crescenzo.

Insomma un evento unico e irripetibile che avrà una seconda puntata il giorno dopo 28 agosto, quando sarà proiettato un altro film storico per i campani tutti: Scusate il ritardo di Massimo Troisi. E stavolta l’ospite sarà la sua storica partner nel film, Giuliana De Sio, protagonista femminile di quella seconda storica pellicola che ha fatto decollare la straordinaria carriera di Massimo. La De Sio racconterà il suo Troisi dal palco di Avellino. E poi, ancora, ci saranno le canzoni di Massimo & Pino interpretate LIVE.

Due giorni di passione e d’amore, insomma, all’insegna di chi non c’è più. Ma che ci portiamo tutti nel dna di meridionali…

 

 

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 23 Agosto 2019 e modificato l'ultima volta il 23 Agosto 2019

Articoli correlati

Eventi | 12 Settembre 2019

L’ANTEPRIMA

“Meno influencer, più Bud Spencer”. A Palazzo Reale si celebra Carlo Pedersoli, napoletano per sempre

Eventi | 9 Settembre 2019

ALL’EX BASE NATO

Ai nastri di partenza la prima edizione del Napoli Horror Festival

Eventi | 7 Settembre 2019

BUFALA FEST

Le Centenarie incontrano i bambini della Fondazione Fabozzi per una domenica di pizza e solidarietà

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi