martedì 2 marzo 2021
Logo Identità Insorgenti

BAGNOLI LIBERA

Tutto pronto per la prima assemblea popolare: si inizia domani alle 16

Altri Sud, Identità, NapoliCapitale | 9 Ottobre 2015

bagnoli libera

Dopo il corteo del 30 Settembre partono a Bagnoli le Assemblee popolari per decidere sul futuro dell’area e per mettere al centro i bisogni di chi vive la città e i territori!

Abbiamo strappato la possibilità di accedere ad un luogo simbolo per le decisioni sul nostro quartiere ed è il momento di invertire la rotta verso le necessità reali di chi lo abita.
Ogni due settimane di Sabato pomeriggio ci incontreremo per discutere e decidere sul nostro futuro, non staremo più a guardare aspettando che il politico o lo speculatore di turno vengano a prendere le decisioni in base ai loro bisogni.
Mettere d’avanti le necessità degli abitanti del quartiere partendo dai problemi che giorno per giorno siamo costretti ad affrontare.

Abbiamo già individuato alcuni nodi centrali da affrontare per poter iniziare la discussione e dividerci in tavoli: l’annosa questione dei trasporti legata alla gestione della sepsa, la problematica relativa alla mancanza di edifici scoalstici e di una scarsa possibilità di lavoro per gli studenti, la questione disoccupazione che tiene in scacco numerosi cittadini costringedoli ad emigrare, le problematiche legate alla movida senza controlli…
Queste sono sole alcune delle questioni che ci preme discutere ma sicuramente altre ne verranno fuori durante il dibattito.

PARTECIPA PER DECIDERE SUL FUTURO DEL TUO QUARTIERE
/// SABATO 10 ORE 16.00 – X MUNICIPALITÀ

La mattina sempre negli spazi della X Municipalità si terrà la conferenza stampa

/// /// ///
BASTA LAMENTARSI!
LIBERIAMO BAGNOLI!
SBLOCCHIAMO NOI BAGNOLI
DECIDIAMO NOI SUL NOSTRO TERRITORIO!

Dopo che negli ultimi mesi Renzi ha giocato sul nome del commissario, sembra essere ufficiale che la nomina verrà data a Nastasi, volto in apparenza nuovo ed estremamente pulito.

Personaggetto perfetto per chi vuole mascherare operazioni ben più contorte e pericolose, quale l’individuazione del soggetto attuatore privato che con l’articolo 33 della legge ‘Sblocca Italia’ andrà avanti con provvedimenti mirati a mettere il destino di un’area di oltre 250 ettari in mano alla speculazione edilizia, agli interessi privati dei vari Caltagirone e Fintecna e alla trasformazione del principio “chi inquina paga” in “chi inquina viene ripagato”.

Vogliamo veramente lasciare in mano al partito che attualmente sta governando l’Italia e alle stesse società e soggetti responsabili di questo disastro ancora una volta la possibilità di decidere sul futuro del nostro territorio?

Pensi davvero che siano loro a “sbloccare” Bagnoli?

Per un reale ripristino, progresso e riqualificazione delle aree ex-Italsider, cosi come l’area Ex-Nato, l’alternativa a questo disastro non può che provenire da noi, l’inversione di rotta non può che partire da chi Bagnoli la vive e la soffre.

CHI HA INQUINATO DEVE PAGARE:
Bonifiche reali e sotto controllo popolare
Lavoro stabile e sicuro
Spiaggia pubblica
Servizi e spazi sociali

Bagnoli Libera

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 9 Ottobre 2015 e modificato l'ultima volta il 9 Ottobre 2015

Articoli correlati

Altri Sud | 19 Febbraio 2021

Su Al Jazeera le false promesse di De Magistris alla comunità musulmana di Napoli

Altri Sud | 1 Novembre 2020

ELEZIONI

In Costa d’Avorio un futuro che somiglia troppo al passato

Altri Sud | 29 Ottobre 2020

CILE

Abolita la Costituzione di Pinochet, ma l’Occidente ignora l’evento