sabato 23 giugno 2018
Logo Identità Insorgenti

BUFALE DA BAR

“Massimo Troisi tifava Roma”. Gli scoop fantasia del Corriere dello Sport

Cinema, Sport | 9 giugno 2018

«Massimo Troisi ha sempre tifato per la Roma». Così titola il Corriere dello Sport.
A rivelare la presunta fede calcistica del nostro Massimo è Pino Calabrese, attore poco conosciuto che nel presentare il suo ultimo film decide di “offrire generosamente”questo scoop ai suoi amici del CdS.
Pino racconta che Massimo teneva volutamente nascosta la sua fede giallorossa per evidenti motivi di consenso popolare.

“Mò cancellamm’ natu rigo a sott’ o’ sunett’ “, diceva un giovanissimo Enzo Cannavale nella parte del prete in Napoli Milionaria di Eduardo.

Massimo non può ovviamente replicare, e questo la dice lunga sulla delicatezza dell’esternazione. D’altronde certe cose, lo diceva Massimo, vanno dette alle spalle: “Queste non sono cose che si dicono in faccia. Queste sono cose che vanno dette alle spalle dell’interessato. Sono sempre state dette alle spalle.”
(Pensavo fosse amore, invece era un calesse, 1991 – Massimo Troisi e Tommaso)

Quindi, dopo aver scoperto che Massimo tifava Avellino, secondo Anna Pavignano,
https://irpiniaoggi.it/primo-piano/la-sceneggiatrice-dei-film-troisi-rivela-massimo-tifava-lavellino/

adesso apprendiamo che la sua fede era invece giallorossa.
http://www.corrieredellosport.it/video/cinema/2018/06/08-43908504/pino_calabrese_massimo_troisi_tifava_roma_/

Questi sono gli scoop dei quali sentivamo la mancanza.

Premesso che per qualunque squadra potesse tifare o simpatizzare Massimo nulla potrebbe scalfire, anche minimamente, la sua napoletanità e il suo ricordo.

Solo che qualche dubbio mi è sorto dopo aver sentito due suoi vecchi amici; Enzo Calabrese (solo omonimo del Pino) e Alfredo Cozzolino, suo fedele amico vicino a lui da sempre.

Per Alfredo ed Enzo, mi raccontano, l’unica simpatia che aveva Massimo era per Gigi Riva, soprattutto per la somiglianza che in molti gli attribuivano.
“Massimo fu anche molto felice quando Gigi Riva, accostato ai bianconeri, rifiutò il trasferimento“, aggiunge Enzo.
Per il resto, solo Napoli.

Alfredo ricorda invece le partite ascoltate alla radio a casa di Massimo tra Napoli e Roma insieme all’amico Massimo Bonetti, tifosissimo della Roma. E tutto ricorda fuorchè convergenza di tifo, anzi.

Ma a chiudere la questione è stata la sorella di Massimo, Patrizia Troisi, commentando un mio post: “Massimo tifava solo Napoli 💙“, con un cuore azzurro a chiudere il commento. Lo stesso cuore che unisce generazioni di partenopei a Massimo. E, in fondo, sappiamo “ comme fa ‘o core quann’ s’è annamurato”.

Non ascolta beceri tentativi di scoop solo per promozionare un film.

E’ vero che 5 minuti di notorietà non si negano a nessuno.

Ma alla popolarità bisogna stare attenti.

Ce lo ricorda Massimo: “‘Il successo è solo una cassa amplificatrice… se uno è imbecille prima di ave’ successo diventa imbecillissimo, se uno è umano diventa umanissimo“.

Delle due l’una; visto che non si parla di umanità…..

Maurizio Zaccone

Articoli correlati

Cinema | 22 giugno 2018

REVUOTO 2018

Napoli ricorda Massimo Troisi: tre giorni di eventi a piazza del Plebiscito

Cinema | 14 giugno 2018

FRATELLO RICORDATI DI TINA PICA

Il nostro viaggio nel mondo di Caramella: oggi l’omaggio di Napoli a 50 anni dalla morte

Cinema | 13 giugno 2018

TATTOO E IDENTITA’

Intervista con Braian Anastasio: dal tatuaggio al cinema, con la storia dei tattoo di Napoli