fbpx
giovedì 4 giugno 2020
Logo Identità Insorgenti

Buona Pasqua… e nun v’pigliate collera!

#Napoliammoremio | 4 Aprile 2015
 NAPOLIAMMORE2015

‪#‎napoliammoremio‬ ‪#‎buonaPasqua‬
Napoli χολέρα.
“Me so’ pigliato collera”. Qualche giorno fa ho “fatto chiacchiere” con un’amica carissima e “me so’ pigliato collera”.

Collera, dal greco χολέρα, bile.
La Treccani definisce la collera: “Improvviso sentimento di ira, di breve o lunga durata, insorto per reazione a un torto subìto o a una grave mancanza altrui, e che può manifestarsi con atti e parole o consistere in un prolungato, tacito sdegno verso il colpevole”.

Ma la Treccani è quella che riporta anche “napoli” come “designazione e appellativo ingiurioso, usato talvolta per designare i napoletani o, più generalm., un meridionale immigrato nel Nord d’Italia: gente come si deve e … ladri, baresi, ruffiani, abruzzesi, napoli e veneziani”

La Treccani non ha capito nulla di Napoli. E di tanto altro.

Quando un napoletano litiga con un amico, con un amico vero, lo racconta dicendo “ho
fatto chiacchiere”, come se la colpa fosse delle parole che si sono messe nell’ordine sbagliato.

Quando un napoletano litiga con un amico, quando si prende “collera”, dice “m’è passata ‘a famm”, e quando un napoletano rinuncia a carboidrati, burro e latticini significa che la cosa è seria.

Quando un napoletano dice “me so pigliato collera” non sta giurando vendetta, non sta pensando a come farla pagare all’amico o all’amico, “me so pigliato collera” significa qualcosa tipo “non è che vi sto dicendo di farlo ma fateglielo sapere che quello che ha detto o fatto mi ha dato tristezza e dispiacere e che visto che è stato lui o lei a farmi dispiacere dev’essere lui o lei a fare un passo verso di me e che, proprio perché mi è caro o cara, non deve nemmeno chiedermi scusa, basta che mi fa capire che ha capito e che prova a non farlo più.

E se mi porta pure a mangiare una cosa (visto che, con tutto il cuore, mica posso stare a digiuno per sempre) mi fa capire che ha capito proprio tutto. Ma pure un caffè va bene. E non ne parliamo più”.

Me so pigliato collera significa più o meno questo, è rinuncia e passione, è superamento e sintesi, è lacrime e perdono, a Napoli pure la collera è un atto d’amore.
p.s. Buona Pasqua

Francesco Paolo Oreste

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 4 Aprile 2015 e modificato l'ultima volta il 4 Aprile 2015

Articoli correlati

#Napoliammoremio | 25 Luglio 2017

Matilde Serao e le “false notizie”: pagine di attualità che hanno un secolo

#Napoliammoremio | 4 Giugno 2017

4 giugno, 23 anni fa l’addio a Troisi: ‘o ssaje comme fa ‘o core e Pino Daniele

#Napoliammoremio | 4 Agosto 2015

#NAPOLIAMMOREMIO

Quando: amare per sempre Napoli e averne sete ancora