sabato 15 dicembre 2018
Logo Identità Insorgenti

BUONE NOTIZIE

Dal 1 dicembre OpenMann: 365 giorni al Museo a 15 euro

Beni Culturali | 27 Novembre 2018

È di un mese fa circa la notizia che in Canada si userà l’art therapy come cura. Il progetto si chiama “The Art Hive” e consiste nella possibilità da parte dei medici di prescrivere una visita gratis a una mostra come terapia di guarigione. In pratica i medici fanno proprio la ricetta medica per entrare gratis al museo! Tutto questo dal 1° novembre.
Questa nuova frontiera si chiama arte-terapia e affonda le radici nella convinzione che l’arte e la cultura possano guarire da disturbi fisici, oltre che psicologici. L’esperimento avrà la durata di un anno e la ricetta medica comprenderà l’entrata gratuita al museo per il paziente, per un accompagnatore e per 2 minori di 17 anni. In pratica per tutta la famiglia al completo! In tutto, il medico avrà a disposizione 50 visite per i suoi pazienti. Passato quest’anno, verranno analizzati i risultati ottenuti e si deciderà se inserire l’art therapy ufficialmente nel prontuario medico.
In Italia, nonostante il numero esorbitante di musei e siti archeologici, siamo forse ancora lontani dal prescrivere l’art therapy, ma in compenso musei all’avanguardia come il MANN danno la possibilità di usufruire della terapia dell’arte (che fa veramente bene a tutti) con la card abbonamento un anno intero e tutte le volte lo si desideri. E allora perché non approfittarne?

Dal 1 dicembre “OpenMANN”

Dal 1° dicembre parte la possibilità di abbonarsi ad “OpenMANN”, che permetterà, con l’acquisto di una card nominativa, di accedere liberamente al Museo ed alle mostre temporanee in programma.
La card sarà declinata in diverse tipologie:
ordinaria (per un pubblico di adulti over 25 anni), con prezzo di lancio, tra il 1° dicembre 2018 ed il 07 gennaio 2019, di 15 euro (oltre la data di conclusione della promozione, si passerà al costo di 25 euro);
•  young (giovani dai 18 ai 25 anni), acquistabile a 10 euro nel periodo di promo e, poi, a 13 euro;
•  family, che permetterà l’ingresso a due adulti over 25 (prezzo lancio: 30 euro; dopo il 7 gennaio: 40 euro).
Corporate , per le aziende e le associazioni, mediante convenzione stipulata con il Museo.

La card include

L’abbonamento include: ingressi illimitati al Museo per 365 giorni dal primo utilizzo dell’abbonamento, con, naturalmente, la possibilità di visitare le collezioni permanenti e le esposizioni temporanee; riduzione per la partecipazione agli eventi con biglietto dedicato; sconto per ammirare i sedici siti della Rete Extramann (per l’elenco completo, si rimanda al link: https://www.museoarcheologiconapoli.it/it/extramann-rete-dei-partner/).
Contemplato, ancora, un sistema di scontistica per i prodotti in vendita al bookshop, i servizi di audioguida e le consumazioni alla Caffetteria di prossima apertura.
La card Openmann, personale e non cedibile, darà diritto ad un biglietto ridotto per eventuale accompagnatore e sarà acquistabile direttamente on site al Museo o tramite i seguenti canali online: openmann.it,museoarcheologiconapoli.it,coopculture.it.
“Consentire ai cittadini ed ai turisti di vivere il Museo nel quotidiano: con OpenMann l’Archeologico dialoga in modo stretto e dinamico con il territorio, configurandosi sempre più come punto di riferimento costante del pubblico partenopeo”, commenta il Direttore Paolo Giulierini.

Susy Martire

Susi Martire

Guida turistica abilitata in Campania, Consigliere e portavoce ufficiale dell’Associazione Guide Turistiche Campania; Laureata in Lingue e letterature straniere; appassionata di Archeologia, in particolare innamorata di Pompei e di tutto ciò che le riguarda. Segni particolari: Angeler… cioè fan di Alberto Angela (è un difetto?)

Articoli correlati

Beni Culturali | 14 Dicembre 2018

LA CINA È VICINA

Presentata “Mortali – Immortali al Museo archeologico di Napoli

Beni Culturali | 13 Dicembre 2018

LA MOSTRA

Si aprono i depositi di Capodimonte: tesori, tele, arazzi e oggetti preziosi mai esposti

Beni Culturali | 12 Dicembre 2018

FLOP ITALIANI

I siti Unesco trainano l’economia turistica nel mondo. Tranne che nello Stivale

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi