domenica 26 maggio 2019
Logo Identità Insorgenti

BUONE NOTIZIE

Procida, arrivano 5 milioni per Terra Murata

Beni Culturali | 11 Marzo 2019

“5 milioni e 200.000 euro per Terra Murata. Il Ministero dell’Interno ha finanziato i nostri due progetti per il recupero del cenobio di Santa Margherita e per la messa in sicurezza del costone sotto la Chiesa di San Michele. Siamo il quinto comune nella graduatoria nazionale”. Ad annunciare l’ottima notizia è il sindaco di Procida, Dino Ambrosino.

Due anni fa vi avevamo raccontato della parziale riapertura di Palazzo D’Avalos a Terra Murata, insieme all’assessore Antonio Carannante. Dopo un intervento di messa in sicurezza, la parziale riapertura al pubblico dello straordinario luogo è stato un primissimo passo. Certamente non sufficiente a restituire l’area e a rimetterla in sicurezza. Adesso però il ministero ha deciso di finanziare i progetti di recupero della zona e soprattutto la messa in sicurezza del costone sotto San Michele, ridotto in condizioni molto precarie.

Più tardi, in altro post, Ambrosino precisa meglio:

“Siamo obbligati a spendere subito le somme assegnate per i progetti di Terra Murata. La legge ci impone di avviare la gara d’appalto entro 8 mesi, e lo faremo. In graduatoria siamo il quinto comune d’Italia e il primo della Campania. Ci è tornato utile ma abbiamo un primato poco invidiabile: la graduatoria premiava i comuni con maggiore dissesto rispetto alle entrate di bilancio.In Italia è enorme la quantità di richieste che vengono dai territori. La cifra complessiva del totale progetti presentati ammonta a 5 miliardi e 600 milioni di euro, rispetto ad una dotazione 2019 prevista dal Governo minore di 300 milioni. La stragrande maggioranza dei comuni che hanno presentato richieste per la messa in sicurezza di edifici e territorio sono rimasti a bocca asciutta. I contributi che sono stati assegnati erano stati previsti dal Governo Gentiloni con la finanziaria 2018. Iniziativa di buona volontà, nel verso giusto, ma pochissima roba rispetto alle esigenze dell’Italia. Spero che il Governo Conte confermi l’intenzione di stanziare 11 miliardi a partire dal 2019. Sarebbe un volano per l’economia e un’occasione di iniziare a sistemare tutta l’Italia. Noi continueremo a candidare i nostri progetti, ora è tempo di dedicarsi al versante della Chiaiolella”.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 11 Marzo 2019 e modificato l'ultima volta il 11 Marzo 2019

Articoli correlati

Beni Culturali | 23 Maggio 2019

LA POLEMICA

Cemento sulle Torri Aragonesi: dubbi sul restauro in corso

Beni Culturali | 22 Maggio 2019

LA NOMINA

Massimo Osanna riconfermato Direttore generale del Parco archeologico di Pompei

Battaglie | 20 Maggio 2019

BENI ABBANDONATI

Resta chiuso lo storico cimitero di Santa Maria della Fede per lavori di messa in sicurezza

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi