domenica 17 novembre 2019
Logo Identità Insorgenti

CALCIO E RAZZISMO

Verona nega tutto, Giugliano ci mette la faccia

Razzismo, Sport | 4 Novembre 2019

Che il calcio italiano fosse dominato dal razzismo, lo sapevamo da tempo. Cosa peggiore, però, è continuare a constatare come lo stesso continui a nascondere la polvere sotto al tappeto, fornendo puntualmente una colpevole e omertosa spalla ai deficienti e violenti di turno.

A Verona, sponda Hellas, il messaggio continua ad essere poco chiaro o ad arrivare con qualche fruscio di troppo visto che, ai ripetuti comportamenti di discriminazione razziale di parte della tifoseria, fa prontamente seguito l’arzigogolata e aberrante difesa della dirigenza del club scaligero e dei suoi tesserati.

Il messaggio di ridimensionamento è sempre lo stesso: siamo noi che equivochiamo, generalizziamo e sentiamo cori che non ci sono. Chissà se ci siamo sognati anche le svastiche naziste “ironicamente” esposte nella calda e immacolata curva veronese.

Se a Verona vige il negazionismo più assoluto, altrove c’è chi riconosce l’esistenza del problema e sceglie di affrontarlo in prima persona.

Di metterci la faccia.

È accaduto ieri pomeriggio a Mugnano, nel napoletano, durante l’incontro tra i padroni di casa del Giugliano e il Licata, valevole per il campionato di Serie D. Al minuto 22 del secondo tempo, il tecnico della compagnie sicula richiama in panchina l’ivoriano Aboubakar Diaby.

All’atto della sostituzione, un gruppetto di sedicenti tifosi del Giugliano, assiepato alle spalle della panchina del Licata, ha preso ad insultare il malcapitato Diaby. Il calciatore, dopo un breve alterco, ha abbandonato il campo in lacrime, accompagnato negli spogliatoi da alcuni suoi compagni di squadra.

Non finisce qui.

Perché i violenti e gli imbecilli saranno pure tali, ma senza gesti forti e significativi risulterà difficile isolarli per davvero. Così, al termine della partita, i dirigenti del Giugliano si sono recati da Diaby, si sono scusati con lui per l’accaduto e lo hanno invitato a tornare in campo per prendersi l’applauso e la solidarietà della tifoseria di casa e dei presenti al “Vallefuoco” di Mugnano.

Diaby è riapparso sul rettangolo verde insieme al presidente del Giugliano, Gaetano Sestile, e ha raggiunto con lui il settore occupato dai tifosi di casa, che gli hanno tributato un lungo omaggio.

Poteva essere una pagina nera e amara. Si è trasformata in un’occasione di solidarietà, riflessione e azione concreta per ribadire che il razzismo, a noi e a Napoli in particolare, ci fa schifo assai e che a nascondersi dovranno essere sempre e soltanto loro.

I razzisti.

Antonio Guarino

Un articolo di Antonio Guarino pubblicato il 4 Novembre 2019 e modificato l'ultima volta il 4 Novembre 2019

Articoli correlati

Razzismo | 4 Novembre 2019

L’INTERVENTO

Afro Napoli United: il razzismo sui campi specchio di questi tempi bui

Razzismo | 4 Novembre 2019

LA RIFLESSIONE

Esercizi di immedesimazione per italiani razzisti

Altri Sud | 29 Giugno 2019

GRAZIE KOULIBALY

Da Napoletano ti dedico il mio inno al Senegal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi