fbpx
domenica 24 gennaio 2021
Logo Identità Insorgenti

CAPODANNO

8 feriti a Napoli, 5 a Milano per i fuochi di mezzanotte

Attualità | 1 Gennaio 2021

A sparare si è sparato, ma meno di sempre. E infatti sono stati 8 nelle ultime ore i feriti, tra Napoli e provincia, provocati dai botti di Capodanno: tre sono stati registrati Napoli e cinque nell’hinterland. Nessuno dei feriti è in pericolo di vita, e nessuno è minorenne; tra loro c’è però
una donna colpita al capo da un proiettile vagante e ora ricoverata all’ospedale Cardarelli, dove sarà operata nelle prossime ore.

E’ il dato più basso da anni: per il Capodanno 2020 i feriti erano stati 48.

Altrove si registrano 5 feriti a Milano e il Capodanno tragico di Asti dove un 13enne è morto per le lesioni all’addome causate da un petardo.

Degli otto feriti registrati a Napoli, sei sono stati medicati e dimessi; restano ricoverati solo la donna di Mugnano raggiunta alla testa da un proiettile vagante e un uomo di 57 anni, al Vecchio Pellegrini di Napoli per lo sfacelo di una mano.

In netta diminuzione anche gli interventi dei vigili del fuoco: 229 contro i 686 dello scorso anno. La variazione, sottolineano gli stessi vigili del fuoco, è legata alle misure restrittive per fronteggiare la pandemia da coronavirus. Il numero maggiore anche quest’anno nel Lazio 45 (lo scorso anno furono 171), Campania 40, Puglia 24, Veneto 19, Lombardia 18, Sicilia 17, Liguria 16.

Un bilancio insomma meno tragico ma che fa comunque rabbia.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 1 Gennaio 2021 e modificato l'ultima volta il 1 Gennaio 2021

Articoli correlati

Attualità | 22 Gennaio 2021

Il monologo del venerdì di De Luca: vaccinare tutti entro il 2021. Le superiori in classe dal 1 febbraio

Attualità | 21 Gennaio 2021

Anche le firme di Totò e Maradona: asta di autografi per il reparto pediatrico oncologico di Firenze

Attualità | 20 Gennaio 2021

A Piazza Cavour crolla il locale adiacente alla chiesa del “Rosariello”