giovedì 13 maggio 2021
Logo Identità Insorgenti

Capodanno cinese di Napoli in streaming con collegamenti da Wuhuan

Cultura | 5 Febbraio 2021

Il “Capodanno cinese 2021” organizzato in sinergia dall’istituto “Confucio” dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” e dall’Associazione “Ciao Cina” si terrà da Napoli anche quest’anno, per festeggiare un rinnovato senso di appartenenza e di reciproco rispetto e condivisione fra i due popoli.

Uno spettacolo grandioso – quello dell’11 febbraio 2021 dalle ore 16.50 online- che vedrà il succedersi di artisti in un programma variegato e pieno di richiami alla tradizione cinese.

Sarà l’anno del bue: un anno di rinascita per la Cina e l’Italia

La “diretta streaming” sarà visibile sul sito capodannocinesenapoli.it.  alle 17 dell’11 febbraio con esibizioni tradizionali dalla Cina in simultanea con il Capodanno di Pechino

Un augurio per un anno –il 2021- che per i cinesi e gli italiani dovrà essere un periodo di profonda rinascita e rinnovamento, così come ci insegna anche il simbolo del nuovo anno, il bue/bufalo che, nell’oroscopo cinese, richiama forza, caparbietà e determinazione d’animo.

L’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, insieme all’Associazione Ciao Cina, aprirà le celebrazioni del nuovo anno cinese inaugurando i festeggiamenti fin dal countdown della mezzanotte che si terrà in contemporanea con la Cina dalle ore 17.00 dell’11 febbraio 2021 con un evento che unirà i due Paesi con esibizioni di diversi artisti che provengono dalla Cina e dalla città partenopea.

Collegamenti anche da Wuhuan

Uno spettacolo grandioso – quello dell’11 febbraio 2021 dalle ore 16.50 online- che vedrà il succedersi di artisti in un programma variegato e pieno di richiami alla tradizione cinese: canzoni cinesi ma anche napoletane, danze e coreografie folkloristiche come la danza dei tamburi, interventi di ospiti e presentatori che tradurranno i contenuti e intratterranno il pubblico cinese e italiano, gli auguri da Pechino, Wuhuan e Napoli; questi sono solo alcuni degli ingredienti di un’alchimia già apprezzata da tantissimi in piazza del Gesù l’anno scorso.

A dare un caloroso saluto a tutti coloro che festeggeranno l’evento, la Direttrice Prof.ssa Paola Paderni con la Co-direttrice Prof.ssa Feng Hui dell’Istituto Confucio, il Pres. Jun Qin dell’Associazione Ciao Cina, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, il Pres. della II municipalità Francesco Chirico, il Direttore Sylvain Bellenger eMaria Rosaria Sansone del Dipartimento curatori del Museo e Real Bosco di Capodimonte e il Direttore Paolo Giulierini del Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Il MANN, in occasione dei festeggiamenti, esporrà anche quest’anno una statua dedicata al Capodanno cinese: la riproduzione bronzea di un bue della fonderia Sommer, reperto ritrovato a Pompei.

La pagina Facebook è facebook.com/capodannocinesenapoli.

 

Gli organizzatori

L’istituto “Confucio” di Napoli si occupa della diffusione e della promozione della lingua e della cultura cinese. Istituito nel 2007 dall’Università degli studi di Napoli “L’Orientale” in collaborazione con la Shanghai International Studies University (SISU) l’Università “L’Orientale” è stata la prima scuola di studi cinesi d’Europa, importante riferimento per gli studi e le ricerche sull’antichità e sulla contemporaneità cinese.

L’associazione “Ciao Cina”. Promuove gli scambi culturali tra Cina e Italia, migliorando la conoscenza reciproca dei due popoli e sostenendo le attività artistiche. Il suo presidente Jun Qin è da tre anni l’ideatore e il direttore artistico del Capodanno Cinese a Napoli. Il coro “Mulan” dell’associazione Ciao Cina formato da bambini italiani e cinesi si è già esibito in Piazza del Gesù a Napoli per il Capodanno cinese del 2018 e all’edizione del 2019.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 5 Febbraio 2021 e modificato l'ultima volta il 5 Febbraio 2021

Articoli correlati

Cultura | 22 Aprile 2021

Su Rai 5 quattro prime serate dedicate a Roberto De Simone

Cultura | 20 Aprile 2021

Nasce “Food Hacker”: uno studio dell’Università Federico II sul rapporto tra cibo e digitale

Cultura | 16 Aprile 2021

Per la stagione estiva il teatro di San Carlo si sposta al Plebiscito e nei luoghi più belli della Campania