fbpx
martedì 26 maggio 2020
Logo Identità Insorgenti

CASE DI CARTONE

A L'Aquila le nuove costruzioni antisismiche già tremano, senza terremoti

DueSicilieOggi, Economia, Italia, Senza categoria | 6 Novembre 2013

casette l'aquila
L’Aquila: case antisismiche già in crisi, dopo pochi mesi dalla loro costruzione, senza terremoto. E a mia memoria gli isolatori sismici furono sostenuti dall’attuale Assessore alla Protezione Civile della Regione Campania: si può chiedere a lui qualche precisazione? O meglio si può fare una bella convenzione con il suo dipartimento dove si trova anche il suo braccio destro nonchè prorettore dell’Università di Napoli: così sapremo cosa è accaduto!! Naturalmente senza conflitti d’interesse. Case antisismiche già in crisi, dopo pochi mesi dalla loro costruzione, senza terremoto? Un record, un evento extraterrestre! Ricordo che subito dopo il sisma, quando andavo nell’area epicentrale per studiare multidisciplinarmente gli effetti locali, nei motel autostradali abbondavano auto blu e nere con personaggi in abito blu e nero con borsa immancabile. Sembrava una processione di “schiattamorti” (in napoletano= becchini) faccendieri ….e gli effetti si stanno vedendo. Tutti sapevano? Ovviamente! Tutto “stabilito” secondo ex “manuale Cencelli”? Malavita organizzata compresa? Spostiamo i processi in Campania dove siamo in vena di assoluzioni…dopo il Processo Rifiuti, tutti assolti,… avremo altri “innocenti/colpevoli/intoccabili”! L’AQUILA: VI RICORDATE LE «CASETTE» DI BERLUSCONI? (di G.Caporale) 4 novembre 2013 Dai dubbi sulla sicurezza alle inchieste tutti i flop delle “casette” di Berlusconi. Isolatori sismici fallati, infiltrazioni d’acqua, riscaldamento rotto, cedimenti di intonaco. Nessun servizio intorno, né pubblico né privato. Il tutto dentro 185 palazzine sparse nella periferia che oggi — dopo appena quattro anni dalla loro realizzazione — sono nuove aree di degrado urbano. La storia delle case provvisorie volute dall’ultimo Governo Berlusconi per 19mila terremotati dell’Aquila, dopo il sisma dell’aprile del 2009, è costellata di flop. Per questo “miracolo aquilano” come lo definì l’allora premier visti i tempi record di consegna degli alloggi, lo Stato ha speso 900 milioni di euro senza seguire il codice degli appalti, ma con affidamenti in “emergenza” ad (appena) sedici ditte nazionali. La costruzione delle “new town” fu seguita dai media con dirette tv e programmi ad hoc, con tanto champagne nel frigorifero a favore di telecamera.Ma dal giorno dell’inaugurazione in poi, il “progetto C. a. s. e.” di Guido Bertolaso, allora capo della Protezione Civile, ha cominciato a venire giù. Pezzo dopo pezzo. Il primo atto è un’impietosa relazione redatta dagli ingegneri dell’ufficio tecnico dell’Aquila, pochi mesi dopo la consegna degli appartamenti. «Sono evidenti segni di deterioramento degli edifici che sono inaccettabili» è il giudizio finale corredato da un centinaio di fotografie a conclusione di due mesi di certosini sopralluoghi in ogni angolo di quelle costruzioni. Piastra dopo piastra, ballatoio dopo ballatoio,garage dopo garage. Ringhiera dopo ringhiera. Ma è solo l’inizio. Poco dopo, la Procura dell’Aquila apre un’inchiesta sui settemila isolatori sismici che sostengono i 185 palazzi. E la scoperta è amara, amarissima. Almeno duecento degli isolatori sismici a pendolo montati sui pilastri che sostengono gli edifici sono destinati a sbriciolarsi se mai la terra dovesse tornare a tremare come quel 6 aprile di 4 anni e mezzo fa. E quel che è peggio, nessuno è in grado di dire oggi — nemmeno la ditta che li ha prodotti e montati, la società «Alga» — quali strutture esattamente appoggino su quei pezzi fallati. Per questa vicenda, poche settimane fa il giudice del tribunale dell’Aquila, Giuseppe Romano Gargarella, ha condannato con rito abbreviato a un anno di reclusione Mauro Dolce, responsabile del procedimento del progetto C. a. s. e., accusato di frode nelle pubbliche forniture. 4 novembre 2013

Franco Ortolani

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 6 Novembre 2013 e modificato l'ultima volta il 6 Novembre 2013

Articoli correlati

DueSicilieOggi | 2 Ottobre 2019

IL PIANO

Sud, il ministro per il Mezzogiorno vuole investire nella scuola

Arte e artigianato | 29 Gennaio 2019

TRADIZIONI IDENTITARIE

Festa di Sant’Agata di Catania: la terza per importanza nel mondo

Attualità | 31 Dicembre 2018

FESTE E AMAREZZE

Da Matera a Potenza, da Napoli a Bari: Capodanno in piazza (e problemi rinviati al 2 gennaio)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi